Lucio Fontana guida l’asta di Arte Moderna e Contemporanea de Il Ponte a Milano

Con più di cento lotti in catalogo e con oltre il 95% di venduto, l’asta di Arte Moderna e Contemporanea de Il Ponte del 24 maggio ha messo in evidenza un mercato tonico e reattivo. Ecco i record e le aggiudicazioni

Giulio Turcato, Composizione (1956 1957). Courtesy of il Ponte Casa d'Aste
Giulio Turcato, Composizione (1956 1957). Courtesy of il Ponte Casa d'Aste

Un catalogo corposo, composto da 116 lotti tra pittura e scultura italiana e internazionale, è andato all’incanto in via Pontaccio 12 a Milano presso Il Ponte Casa d’Aste per la prima parte della vendita di Arte Moderna e Contemporanea. Risultato di rilievo quello raggiunto il 24 maggio 2022 con un venduto di oltre il 95%, segno che le opere proposte, pur cavalcando generi e periodi tra loro differenti, hanno saputo catturare l’attenzione degli offerenti. 

Renato Di Bosso, Balilla (1934). Courtesy of il Ponte Casa d'Aste
Renato Di Bosso, Balilla (1934). Courtesy of il Ponte Casa d’Aste

LA SCULTURA PROTAGONISTA ALL’ASTA DE IL PONTE 

La scultura l’ha fatta da padrona in questa sessione di incanti della casa milanese. Sono, infatti, le opere scultoree ad aver fatto registrare le aggiudicazioni più sostenute. E del resto, molta attenzione aveva attirato Concetto spaziale, Natura (1959-1960) di Lucio Fontana, che è stato il top lot della serata, con € 625.000 di aggiudicazione con le commissioni. Così come la sua terracotta Crocifissione (1954), che ha toccato la stima alta di € 150.000. É stato poi molto apprezzato dagli offerenti Ombre vaganti (1975) di Fausto Melotti, che è passato di mano, commissioni comprese, per € 137.500, ma ad aver superato ogni aspettativa è stata la scultura Balilla (1934) di Renato Di Bosso che ha polverizzato la stima bassa di € 8.000 con un risultato finale di € 125.000. 

Fausto Melotti, Ombre vaganti (1975). Courtesy of il Ponte Casa d'Aste
Fausto Melotti, Ombre vaganti (1975). Courtesy of il Ponte Casa d’Aste

ASTA DE IL PONTE: LA PITTURA DELLE AVANGUARDIE  

Primo lotto del pomeriggio a raggiungere un risultato ben oltre le stime è stato Paesaggio con alberi (1908) di Umberto Boccioni, che, da € 10.000 di stima bassa, è schizzato a € 100.000 di aggiudicazione. Sempre in ambito futurista, anche Fortunato Depero ha segnato un buon traguardo con il suo Civetta e Pappagalli (1917) passato di mano per € 50.000 da una valutazione iniziale di 20/30 mila euro. Riscuotono di nuovo successo anche le atmosfere di Cagnaccio di San Pietro e Leggendo, del 1926, arriva, da una stima preasta tra i 10 e 15mila euro, a un risultato di € 38.000. Spostandoci, invece, verso le avanguardie italiane del Dopoguerra, si è fatta notare la splendida Composizione (1955-56) di Giulio Turcato che ha trovato un nuovo proprietario per € 87.500, incluse le commissioni, mentre il materico dipinto Adda (1956) di Ennio Morlotti si è assestato a € 93.750, commissioni comprese. Buone le performance anche per Grandi segni (1984) e Movenze rosse (2007) di Carla Accardi, arrivate rispettivamente a 50.000 e 28.000 euro. Tutto venduto anche per i nuclei di opere in catalogo di Alighiero Boetti e Mario Schifano 

Georges Mathieu, Memoire superposée (1990). Courtesy of il Ponte Casa d'Aste
Georges Mathieu, Memoire superposée (1990). Courtesy of il Ponte Casa d’Aste

ASTA DE IL PONTE: GLI ARTISTI INTERNAZIONALI IN CATALOGO 

Sul versante internazionale, Memoire superposée (1990) di Georges Mathieu è passato di mano per circa € 94.000 euro, comprensivo di commissioni, a dimostrazione di come l’interesse per la sua arte sia crescente anche in Italia. Tra le opere sudamericane presenti in asta, molto apprezzata dagli offerenti è stata la matita di Wilfredo Lam, Composition (1957), volata da € 12.000 di stima bassa a € 55.000 di aggiudicazione. 

 

– Antonio Mirabelli 

 

https://www.ponteonline.com/  

Eventi d'arte in corso a Milano

Mostre a Milano, vai all'elenco completo di eventi d'arte in corso →
 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonio Mirabelli
Antonio Mirabelli si è laureato in giurisprudenza presso la Luiss Guido Carli di Roma e nello stesso ateneo ha frequentato la Scuola di Specializzazione per un biennio. Avvocato e appassionato di arte, matura esperienza nel campo del Wealth management come consulente nella pianificazione patrimoniale e curando la gestione di prestigiose collezioni private. A Milano frequenta il Master in Arts Management presso l’Università Cattolica di Milano, dove affina le doti manageriali. Elabora progetti per l’implementazione dell’offerta culturale di soggetti pubblici e privati, si occupa di CSR (Corporate Social Responsibility) e lavora come Art Advisor.