Preview dall’aste di Christie’s e Sotheby’s a Londra durante la art week di Frieze

Banksy tra le star dell’asta Sotheby’s. E non manca l’Italian Sale con opere di pregio da collezioni importanti. Due parole con Mariolina Bassetti sulla settimana che ci aspetta

La preview delle aste di Sotheby's e Christie's: installation view
La preview delle aste di Sotheby's e Christie's: installation view

Si apre la settimana della fiera Frieze London e le due principali case d’aste, Christie’s e Sotheby’s, scaldano i motori per le due aste serali del 14 e 15 ottobre. Grande attesa per il ritorno del pubblico in sala durante le aste e gran successo per le esposizioni al pubblico dei lotti che saranno trattati. 

La preview delle aste di Sotheby's e Christie's: installation view
La preview delle aste di Sotheby’s e Christie’s: installation view

LA PREVIEW DELLE ASTE: THINKING ITALIAN 

Christie’s, nell’ambito della serie di aste 20th/21st Century metterà in asta 38 lotti di artisti come David Hockney, Peter Doig, jean-Michel Basquiat, George Condo, Alexander Calder, Richard Avedon, Gerhard Richter, Banksy (con una versione a due pezzi, sana, di Girl with Balloon) ma soprattutto con gli artisti italiani, nella sezione “Thinking Italian” curata da Mariolina Bassetti, Chairman di Christie’s Italia. Bassetti, ci racconta, è orgogliosa per aver curato appunto “Thinking Italian” specificatamente in un’asta della serie 20th/21st Century, soprattutto per le opere di estrema rarità, interesse e pregio selezionate, alcune provenienti peraltro da importanti collezioni così come l’Achrome di Manzoni, la Superficie rigata di Castellani e l’imponente Le Muse Inquietanti di de Chirico appartenuti per decenni allo stesso collezionista italiano. Ferro di Burri e Linea di Manzoni sono stati, addirittura, nella stessa collezione per 60 anni. Importantissima l’opera di Fontana, con la particolarità degli undici tagli e la condizione perfetta di conservazione, così come l’Achrome di Piero Manzoni, tra le star della evening sale tanto da meritarsi di essere esposti al pubblico in una sala riservata.   

Alighiero Boetti
Alighiero Boetti

COLLEZIONISTI ITALIANI AD ART BASEL 

In asta anche una Mappa di Boetti con dei colori particolari e che, spiega Bassetti, “ha destato molto interesse tra i potenziali acquirenti, così come tutte le alte opere di artisti italiani in catalogo”. La Chairman incontrata da Artribune fa notare come i collezionisti italiani siano attivissimi e comprino tanto: ad Art Basel sono stati la comunità più attiva tra gli acquirenti. L’esposizione dei lotti nella sede londinese di Christie’s, a King St, è stata particolarmente curata e completata da diverse mostre tematiche. 

Banksy
Banksy

L’ASTA SOTHEBY’S: BANKSY 

A Christie’s risponde Sotheby’s con un’asta (43 lotti) dedicata esclusivamente all’arte contemporanea e che ha come attrattiva principale (ne abbiamo scritto qui) “Love is in the Bin” di Banksy, la famosa opera che fu distrutta in diretta, proprio durante un’asta Sotheby’s, tre anni addietro. Da Sotheby’s andranno in asta opere di Richter (in particolare tre grandi tele provenienti dalla collezione di Helga e Walther Lauffs), di Twombly, di Gormley, Gursky ma soprattutto tante opere di artisti italiani. Ci sarà un’altra Mappa di Alighiero Boetti, un poco più grande di quella in vendita da Christie’s ed infatti con una stima superiore. Ma spazio anche per Castellani, Manzoni, e Melotti.  

– Mario Bucolo  

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mario Bucolo
Mario Bucolo è fotografo professionista (awards winners come si dice di chi ha ricevuto premi e riconoscimenti internazionali), pur amando definirsi ‘artigiano dell’immagine’, specializzato in architettura, landscape, viaggi. Catanese, vive e lavora a Londra da alcuni anni. Ma Mario Bucolo è anche un esperto in marketing, comunicazione, visibilità e social media prevalentemente per i musei e per il settore cultura, lavorando e presentando studi nel settore sin dal 1991, anche nel ruolo di co-fondatore dell'iniziativa Europea 'Medici Framework' e di editore del portale mondiale sui musei. Nel 2008 ha contribuito, come guest author, all'ultimo libro di Philip e Neil Kotler sul marketing per i musei con un capitolo su "Musei ed E-communication". Nel 2010 è stato candidato alla presidenza di ICOM Italia. Prima ancora, dal 1984, è stato tra i pionieri europei delle applicazioni multimediali interattive (kiosk, Laser disc, Cd-Rom etc).