Paris+, la nuova fiera di Art Basel a Parigi. Date, programmi e protagonisti della prima edizione

Art Basel nomina direttore e comitato di selezione del suo nuovo avamposto parigino che, nel nome, ricalca l’attenzione proprio sulla centralità della capitale francese nel mondo dell’arte e della cultura: Paris+

The Grand Palais Éphémère. © Rmn - Grand Palais © Patrick Tourneboeuf - Tendance Floue
The Grand Palais Éphémère. © Rmn - Grand Palais © Patrick Tourneboeuf - Tendance Floue

Si chiama Paris+, par Art Basel la nuova manifestazione che il colosso fieristico svizzero – che conta avamposti, oltre alla natia Basilea, anche a Miami Beach e Hong Kong – inaugurerà nella capitale francese dal 20 al 23 ottobre 2022, negli spazi del Grand Palais Éphémère, per poi trasferirsi dal 2024 al Grand Palais, in questo momento in restauro. Diversamente dalle altre fiere, che mantengono tutte la denominazione “Art Basel” seguita dal nome della città che ospita l’evento, quella parigina ha un nome differente, che celebra “la posizione di primo piano della città come epicentro culturale e riflette l’ambizione di Art Basel di creare un evento di punta che si irradi per tutta Parigi, evidenziando il dialogo dinamico tra le sue industrie culturali, dalla moda e dal design al cinema e alla musica”, sottolinea una nota stampa di Art Basel. La fiera svizzera arriva a Parigi dopo aver vinto il concorso pubblico indetto dalla Réunion des musées nationaux – Grand Palais nel dicembre del 2021, surclassando e quindi sostituendo la storica FIAC della RX France.

PARIS+, PAR ART BASEL. TUTTE LE NOVITÀ

La fiera sarà diretta dall’ex co-direttore di Paris Internationale Clément Delépine, che lavorerà a stretto contatto con il direttore generale Virginie Aubert e il vicedirettore Maxime Hourdequin. Il comitato di selezione è costituito da gallerie francesi internazionali, includendo sette galleristi nel comitato principale e tre esperti della scena globale più giovane per le Galeries Emergentes: Florence Bonnefous, Air de Paris, Parigi; Ellen de Bruijne, Progetti Ellen de Bruijne, Amsterdam; Daniel Buchholz, Galerie Buchholz, Colonia, Berlino, New York; Anton Kern, Galleria Anton Kern, New York; Niklas Svennung, Galerie Chantal Crousel, Parigi; Georges-Philippe Vallois, Galerie Georges-Philippe & Nathalie Vallois, Parigi; e Christophe Van de Weghe, Van de Weghe, New York. Gli esperti per le Galeries Emergentes sono: Isabelle Alfonsi, Marcelle Alix, Parigi; Mark Dickenson, Neue Alte Brücke, Francoforte; e Simone Subal, Simone Subal Gallery, New York.

VISIONE E MISSIONE DI PARIS+, PAR ART BASEL

“Anche prima della mia nomina, ho accolto con favore la notizia della selezione di Art Basel per allestire una nuova fiera a Parigi”, dichiara Delépine. “Il team di Art Basel si impegna a raggiungere i più alti standard di eccellenza e sono onorato della fiducia riposta in me. Non vedo l’ora di collaborare con l’intero sistema di gallerie, istituzioni, industrie creative e culturali qui a Parigi per creare un evento di grande attrazione per la città e il mondo”. “Siamo entusiasti di avere un team così forte al timone della nostra nuova fiera a Parigi”, afferma Marc Spiegler, Global Director di Art Basel. “Sono sicuro che con le loro esperienze e prospettive costruiremo una solida edizione della nostra fiera questo autunno”.

– Desirée Maida

Parigi // dal 20 al 23 ottobre 2022
Paris+, par Art Basel
Grand Palais Éphémère
https://www.artbasel.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.