Paratissima Torino pensa in grande negli enormi spazi dell’ex Accademia Artiglieria. Le foto

Tra le Think BIG, la nuova sezione della fiera d’arte emergente, colpiscono i laser in fibra ottica di Carlo Bernardini che accolgono il pubblico all’ingresso: sarà la nuova installazione di Luci d’Artista della città

Paratissima Torino 2019, ph Claudia Giraud
Paratissima Torino 2019, ph Claudia Giraud

È la fiera più amata dal pubblico torinese che ogni volta si chiede quale luogo di Torino la rassegna abbia rimesso in vita per farne la propria sede: una peculiarità premiata sempre da folle di visitatori, curiosi di vedere un pezzo della città in una veste inedita. Stiamo parlando di Paratissima che, per la sua quindicesima edizione, si è spostata in pieno centro, nel cuore di comando della città, tra piazza Castello, il Teatro Regio, e la Cavallerizza, recentemente colpita da un incendio, e la Mole Antonelliana, per inserirsi in uno spazio immenso, di quasi 12mila mq, in quello che un tempo era la “Reale Accademia”, una scuola per la formazione dei giovani gentiluomini alla vita di corte, poi diventata Accademia Artiglieria, e ora dismessa. È un luogo dove ci si perde in una quantità un po’ eccessiva di informazioni e opere perché ruota tutto intorno alla corte centrale, da dove si diramano i vari ingressi delle palazzine di tre piani ben segnalati e organizzati per temi e sezioni: Multiversity Exhibition, BootiqueFashion & Design, ICS – Independent Curated Spaces, N.I.C.E. Exhibitions, [email protected] – Galleries at Paratissima. Valgono una menzione Think BIG, la nuova sezione dedicata alle installazioni fuori misura che raccoglie nomi come Giacomo Costa, Robert Gligorov, Cracking Art, dove spiccano i fasci luminosi in fibra ottica di Carlo Bernardini che accolgono il pubblico all’entrata; e Ph.ocus – About Photography, dedicata alla fotografia contemporanea, dove per accedere si sale la lunga scala a chiocciola di una torre con vista sul Teatro Regio. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).