Flashback 2019: le immagini dell’omaggio a Marco Gastini ad un anno dalla scomparsa

Quattro opere di grandi dimensioni celebrano l’artista scomparso da un anno nella sua Torino. Ecco le immagini della mostra personale tra i corridoi della fiera Flashback

È stato uno dei nomi storici dell’arte e della pittura italiana del Dopoguerra Marco Gastini, intimamente legato a Torino, città in cui era nato nel 1938, e in cui si è spento nel 2018 all’età di 80 anni. Ed è da qui, nella settimana dell’arte piemontese che, ad un anno di distanza dalla scomparsa, l’artista viene celebrato tra i corridoi della fiera Flashback, con una mostra personale. Curato in collaborazione con l’Archivio Gastini (tutte le opere provengono da qui) e con la Galleria dello Scudo di Verona l’omaggio a Gastini si articola in quattro opere di grandi dimensioni, alcune delle quali assenti dalle mostre da più di 30 anni, che raccontano gli anni ’80 del maestro, un periodo lirico, carico della magia delle cose semplici. Ed è per questo che cominciano a comparire sulla tela interventi a carbone, carrube, legni, ma anche piccoli inserti preziosi, come madreperle o pergamene. E il colore che ritorna protagonista. In mostra a Torino Il peso della pelle, 1981, esposta alla Biennale di Venezia nel 1982, Retablo, 1986, Senza Titolo, 1982 e Grande Nero dello stesso anno. Ecco le immagini.

– Santa Nastro

Dati correlati
AutoreMarco Gastini
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.