Frieze e le altre. 10 fiere da non perdere durante la Spring Art Week 2019 di New York

Dalle megas Frieze e TEFAF alle indipendenti e curiose piccole rassegne che animeranno i quartieri più creativi della Grande Mela. Ecco quali sono le fiere da non perdere durante l’art week di primavera di New York

1. FRIEZE

Veduta Frieze Art Fair New York 2016

Sarà un’edizione “dotta” quella di Frieze, fiera londinese sbarcata a New York nel 2012 (con non pochi alti e bassi, tra le cause probabilmente anche la non comodissima sede della rassegna, Randall’s Island, un isolotto in mezzo all’East River difficile da raggiungere con qualsiasi mezzo) che quest’anno vanta un team curatoriale composto dai principali direttori di musei degli Stati Uniti: Patrick Charpenel e Franklin Sirmans, direttori rispettivamente del Museo del Barrio di New York e del Perez Art Museum di Miami che cureranno le sezioni Diálogos e Just Above Midtown (JAM); Laura Hoptman, direttore esecutivo del Drawing Center di New York, che curerà la sezione Spotlight, e Courtney J. Martin, curatore della DIA Art Foundation di New York e responsabile del Frieze Artist Award. La fiera diretta da Loring Randolph quest’anno accoglierà espositori provenienti da 26 Paesi, e l’ottava edizione in particolare registra la partecipazione di molte gallerie asiatiche. Non mancano naturalmente i grandi nomi, 303 Gallery, Gagosian, Hannah Hoffmann, Hauser & Wirth, David Kordansky Gallery, Lisson Gallery, Galerie Thaddaeus Ropac, White Cube e David Zwirner, a cui si aggiungono le italiane Alfonso Artiaco, Massimo De Carlo, Lorcan O’Neill, P420.

Dal 2 al 5 maggio 2019
Frieze
Randall’s Island Park
www.frieze.com

2. TEFAF

TEFAF New York 2018

Terza volta della “Spring edition” newyorchese per la fiera olandese dedicata all’arte moderna e all’antichità sbarcata nella Grande Mela nell’autunno 2016. Dopo il successo della prima edizione primaverile del 2017, TEFAF quest’anno presenterà 90 espositori, di cui 12 alla loro prima partecipazione. “New York è indiscutibilmente il più importante centro globale per il campo dell’arte moderna e contemporanea”, dichiara Sofie Scheerlinck, Managing Director di TEFAF New York, “Siamo lieti di far parte di questo dinamico panorama artistico, offrendo una piattaforma senza eguali per gli espositori a New York”. Basandosi sul successo delle passate due edizioni, TEFAF New York Spring si svolgerà ancora una volta al Park Avenue Armory: all’interno delle sale storiche dell’Armory, gli espositori presenteranno mostre curate che offriranno ai visitatori la possibilità di approfondire artisti e tematiche dell’arte moderna. Inoltre, gli spazi pubblici dell’Armory presenteranno ancora una volta opere d’arte monumentali. Tra le gallerie partecipanti, anche le italiane Massimo De Carlo, Nilufar Gallery, Tornabuoni Arte.

Dal 3 al 7 maggio
TEFAF New York Spring
Park Avenue Armory
www.tefaf.com

3. ART NEW YORK

Art New York

L’avamposto newyorchese di Art Miami torna per la sua quinta edizione al Pier 94, dal 2 al 5 maggio, presentando 300 artisti rappresentati da 70 gallerie provenienti da tutto il mondo, con dipinti, fotografie, stampe, disegni, design e sculture. La fiera comprende anche CONTEXT, una piattaforma di gallerie contemporanee nuove e consolidate che presentano artisti emergenti e mid-career. Tra gli artisti in mostra: Jean Michel Basquiat, Fernando Botero, George Condo, Salvador Dali, Jean Dubuffet, Willem de Kooning, Shepard Fairey, Keith Haring, Damien Hirst, Robert Indiana, Roy Lichtenstein, Robert Longo, Francisco Masó, Henri Matisse, Joan Miró, Pablo Picasso, Richard Prince, Frank Stella, Robert Rauschenberg e Andy Warhol.

Dal 2 al 5 maggio
Art New York
Pier 94
12th Avenue at 55th Street
www.artnyfair.com

4. MONIKER ART FAIR

Nuova sede per Moniker Art Fair, che per la sua seconda edizione ha scelto la centralissima NoHo (718 Broadway). La fiera quest’anno ospiterà 28 espositori e 4 progetti speciali, provenienti da 13 Paesi di tutto il mondo. Il tema della rassegna di quest’anno è Cause & Effect, che esamina i nostri ruoli e impegni condivisi nell’affrontare ingiustizie politiche, sociali ed ecologiche. Tra i nuovi espositori di quest’anno sono la Parlor Gallery del New Jersey, la Mazel Galerie di Bruxelles, la Perseus Gallery di New York e l’11,12 Gallery di Mosca.

Dall’1 al 5 maggio 2019
Moniker Art Fair
Noho – 718 Broadway
www.monikerartfair.com

5. 1–54 CONTEMPORARY AFRICAN ART FAIR

1-54 Contemporary Art Fair

1-54 ritorna per la sua quinta edizione a New York nella sede di Industria, nel West Village, dal 3 al 5 maggio 2019. La fiera presenterà 24 gallerie e oltre 70 artisti provenienti da Belgio, Costa d’Avorio, Egitto, Etiopia, Francia, Ghana, Kenya, Martinica, Marocco, Nigeria, Portogallo, Senegal, Sudafrica, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti. Inoltre, la fiera di quest’anno include FORUM 1-54, una serie di conferenze a cura di Black Chalk & Co., un collettivo artistico fondato dagli artisti dello Zimbabwe Nontsikelelo Mutiti e Tinashe Mushakavanhu.

Dal 3 al 5 maggio 2019
1-54 Contemporary African Art Fair
Industria
775 Washington Street, West Village, Manhattan
www.1-54.com

6. OBJECT & THING

Brooklyn

Fondata da Abby Bangser, ex direttore artistico di Frieze Art Fairs per le Americhe e l’Asia, Object & Thing “reinventa il concetto di arte e design riunendo entrambe le discipline attraverso un focus sull’oggetto”, si legge sul sito della fiera. Object & Thing si svolgerà tra il 3 e il 5 maggio 2019 al 99 Scott di Brooklyn, uno spazio di oltre 400 metri quadrati che ha già ospitato eventi artistici e sfilate di moda.  In particolare, la rassegna si contraddistingue per non utilizzare stand espositivi: i galleristi, 32 in tutto quelli che parteciperanno alla prima edizione, presenteranno le opere in una grande mostra senza interruzioni, e gli oggetti esposti, oltre 200, avranno un costo compreso tra i mille e i 50 mila dollari.

Dal 3 al 5 maggio 2019
Object & Thing
99 Scott – Brooklyn
www.object-thing.com

7. SUPERFINE!

Manhattan

Si svolgerà al 107 Grand Street a Soho, Manhattan, la fiera “cheap” Superfine!. Curata dai collezionisti James Miille e Alex Mitow, Superfine! 2019 presenterà oltre 80 artisti, le cui opere avranno un costo compreso tra i 100 e i 3.500 dollari. L’ingresso comprende anche una birra artigianale, un cocktail o un bicchiere di vino.

Dall’1 al 5 maggio 2019
Superfine!
107 Grand Street, Soho, Manhattan
www.superfine.world

8. CONTEMPORARY AND DIGITAL ARTFAIR

CADAF – Contemporary and Digital art Fair è una fiera dedicata all’arte digitale, alle installazioni immersive, la videoarte, la realtà virtuale. Missione della rassegna è quella di promuovere le mostre digitali, il dibattito sul rapporto tra arte e tecnologia e il mercato emergente dell’arte digitale.

Dal 3 al 5 maggio 2019
CADAF – Contemporary and Digital art Fair
248 W 37th St, Garment District, Manhattan
www.cadaf.art

9. FRIDGE ART FAIR

Fridge Art Fair

La fiera che, già a partire dal nome, fa “il verso” a Frieze, nasce dalla volontà di Eric Ginsburg nel 2013, all’interno della Galleria 128 di Kazuko Miyamoto, nel Lower East Side. Fridge è una fiera boutique, indipendente e fuori dagli schemi, “cheap” e dog-friendly.

Dall’1 al 5 maggio 2019
Fridge Art Fair
 NU Hotel, 85 Smith Street, Brooklyn Heights, Brooklyn
www.fridgeartfair.com

10. THE OTHER ART FAIR

The Other Art Fair

Dedicata agli artisti emergenti, The Other Art Fair si svolge ogni due anni in primavera e in autunno al Brooklyn Expo Center di Greenpoint. Presentata da Saatchi Art, The Other esporrà 130 artisti indipendenti ed emergenti con opere a partire da 150 dollari, selezionati da un comitato di esperti del mondo dell’arte.

Dal 2 al 5 maggio 2019
The Other Art Fair
Brooklyn Expo Center
72 Noble Street, Greenpoint, Brooklyn
http://nyc.theotherartfair.com/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.