Ci si avvicina ad Art Basel Miami Beach: la sezione Public va al curatore Philipp Kaiser

Già direttore del Ludwig Museum a Colonia e curatore del Padiglione svizzero all’ultima Biennale di Venezia, Kaiser è il nuovo curatore della sezione dedicata all’arte pubblica della fiera a Miami Beach.

Philipp Kaiser
Philipp Kaiser

La settimana più importante dedicata all’arte contemporanea negli USA sta per iniziare. Dopo avervi dato alcune anticipazioni su Design Miami, ora è il turno di svelare un’importante novità che riguarda Art Basel Miami Beach – uno dei colossi fieristici più rinomati al mondo – in programma dal 7 al 10 dicembre. Il 2017 segna, infatti, il primo anno in cui il curatore indipendente svizzero, di casa a Los Angeles, Philipp Kaiser si occuperà della curatela di Public, il settore della fiera dedicato alle grandi sculture in esterna, agli interventi di arte pubblica e alle performance, nella cornice di Collins Park.

CHI È PHILIPP KAISER E IL TEMA DI “PUBLIC”

Già direttore del Ludwig Museum a Colonia e curatore del Padiglione svizzero all’ultima Biennale di Venezia, dove ha invitato l’artista Carol Bove e il duo Teresa Hubbard/Alexander Birchler a rendere omaggio ad Alberto Giacometti, Kaiser va a sostituire il direttore e capo curatore del Public Art Fund di New York Nicholas Baume, che ha curato la sezione dal 2013. “Da tempo immemorabile, la scultura è stata territoriale e autoritaria: anche quando la scultura è presentata con estrema moderazione ed eleganza, afferma il proprio spazio fisico con cui noi dobbiamo fare inevitabilmente i conti”, dichiara il curatore svizzero commentando il tema di Public di quest’anno, incentrato sul concetto di “Territoriale”. “Le opere selezionate per Public affrontano proprio questo aspetto della scultura, legato alla rivendicazione dello spazio o del territorio attraverso le dimensioni, la scala, l’intensità e il suono, tra le varie pratiche artistiche. Il tema è anche un riferimento agli specifici discorsi storici degli anni ’60, in cui artisti di diverse nazionalità si sono interessati a nuovi siti per le loro sculture, al di fuori delle istituzioni artistiche tradizionali”.

GLI ARTISTI IN MOSTRA

Uno dei pezzi forti di Public  – tra le undici opere di artisti affermati ed emergenti in programma quest’anno – sarà, infatti, Les Guirlandes di Daniel Buren. Il rifacimento di questo lavoro storico, che in origine ha debuttato a Documenta 7 nel 1982, sarà caratterizzato da ghirlande decorative a strisce deposte su Collins Park. Gli altoparlanti suoneranno dei pezzi campionati – dalle opere barocche di Jean-Baptiste Lully al ragtime di Scott Joplin – che saranno sistematicamente interrotti dalla recitazione di alcune parole in 14 lingue diverse. Il video Koe di Cyprien Gaillard si situa, invece, sull’altro versante del tema: quello che analizza le implicazioni degli spostamenti territoriali. Il film segue uno stormo di parrocchetti esotici che, provenienti dall’Africa e dall’Asia, sono stati portati in Europa per essere tenuti come animali domestici. Da allora hanno fondato una nicchia ecologica nelle aree urbane di Düsseldorf, in Germania.

 

– Claudia Giraud

 

Art Basel Miami Beach
7-10 dicembre
Miami Beach Convention Center
1901 Convention Center Drive
Miami Beach, FL 33139

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).