START Art Fair 2017 a Londra. La fiera dell’arte emergente torna alla Saatchi Gallery

Il celebre museo privato londinese ospita, dal 14 al 17 settembre, la manifestazione che punta i riflettori sui mercati dell’arte emergenti, confermandosi come piattaforma di scoperta e di promozione di nuovi talenti

Ye Hongxing, Jungle, 2017. Courtesy of ART LEX+ÅNG
Ye Hongxing, Jungle, 2017. Courtesy of ART LEX+ÅNG

Taiwan, Australia e Nigeria sono alcuni dei paesi protagonisti della prossima edizione di START Art Fair, la fiera dedicata agli artisti e ai mercati dell’arte emergenti, organizzata e ospitata dalla Saatchi Gallery di Londra dal 14 al 17 settembre. Lo scorso anno, la prestigiosa galleria londinese ha ospitato settanta gallerie provenienti da quaranta città di tutto il mondo, confermandosi come piattaforma di scoperta e di promozione di nuovi talenti.

FOCUS SULLE REALTÀ ARTISTICHE EXTRAEUROPEE…

Quella offerta dalla manifestazione è una prospettiva che punta i riflettori specialmente sulle realtà artistiche extraeuropee, in maniera particolare quella orientale. Quest’anno godranno della visibilità della fiera soprattutto artisti cinesi, come Ye Hongxing, che presenterà per la galleria Art Lexing di Miami una serie di paesaggi caleidoscopici in cui si fondono elementi dell’Oriente e dell’Occidente; e Liu Bolin, artista che recentemente è stato impegnato in una personale a Palermo, che si esibirà in una performance in cui il suo corpo verrà dipinto dal vivo e diventerà parte integrante di un’installazione scultorea. Quest’anno sarà la prima volta anche per la galleria di Hong Kong Giant Year, che esibirà lavori di ceramica contemporanea.

…E SUGLI ARTISTI EMERGENTI

Una fiera variegata dunque, che fa della peculiarità della ricerca la sua cifra stilistica: “la Saatchi ha sempre sostenuto l’opera di artisti emergenti e START offre una piattaforma di scoperta che permette di far conoscere la nuova arte al più ampio pubblico possibile”, spiega l’amministratore delegato dell’istituzione Nigel Hurst“START dà ai collezionisti e agli appassionati di arte l’opportunità di esplorare un’ampia gamma di lavori di artisti di tutto il mondo in un ambiente elegante. Siamo entusiasti di ospitare la quarta edizione di ciò che sta diventando un appuntamento importante del calendario dell’arte”.

L’INTERESSE VERSO IL MERCATO ASIATICO

Quello portato avanti dalla galleria inglese è un progetto che conferma una tendenza che trova corrispondenze in altre manifestazioni fieristiche occidentali. La Art Paris Art Fair, per citare la più nota del settore, ogni anno apre le porte a espositori provenienti soprattutto dall’Asia, dato che conferma il sempre più crescente interesse da parte di galleristi e collezionisti verso lo scenario artistico orientale, ma soprattutto verso il suo mercato.

– Desirée Maida

www.startartfair.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.