Proforma. Percorsi di didattica in Molise per giovani artisti realizzati grazie a Mibact e SIAE

Si chiama Proforma, la scuola di Formazione per giovani artisti che quest’anno visto docenti e ragazzi confrontarsi sulle pratiche del contemporaneo, con l’intento di facilitare il loro ingresso nel mondo del lavoro. Il corso è realizzato nell’ambito del Bando S’Illumina di SIAE e Mibact. E a gennaio una mostra.

I ragazzi del corso Proforma in Molise
I ragazzi del corso Proforma in Molise

Volge al termine il corso Proforma, la scuola di Formazione per giovani artisti realizzato dalla Galleria Gino Marotta –L’Aratro, annessa all’Università del Molise, e EURelations GEIE nell’ambito del Bando S’Illumina di SIAE e Mibact. La creazione di un progetto dedicato all’arte e alle sue interconnessioni (visive, performative e multimediali) è stata la base di un percorso di formazione per giovani artisti e il loro inserimento professionale nel mondo dell’arte. Il corso, realizzato all’interno dell’Aratro e dell’Università degli Studi del Molise, gallerie e musei molisani e romani, ha previsto la realizzazione di due moduli. Il primo è relativo alla formazione dei giovani artisti attraverso un percorso guidato dagli artisti stessi. Il secondo riguarda invece la definizione di tutti gli aspetti al mercato dell’arte e alla promozione delle opere realizzate dai giovani artisti, fino alla creazione di strumenti professionali dedicati. “Proforma è la prova che anche in realtà periferiche si possono realizzare progetti di qualità e formazione artistica. Un corso complesso – realizzato all’interno di ARATRO Galleria Gino Marotta dell’Università degli Studi del Molise – della durata di 240 ore che si concretizzerà con una mostra collettiva in cui i giovani studenti del corso potranno presentare i lavori realizzati sotto la supervisione dei docenti. Una reale opportunità di crescita artistica, umana e professionale per questi giovani ragazzi che vivono lontani dai grandi centri culturali”, ha commentato Lorenzo Canova, direttore de L’Aratro.

A TERMINE DEL PERCORSO, UNA MOSTRA

I docenti, selezionati tra esperti del mondo dell’arte italiana, hanno realizzato lezioni e workshop intensivi in cui si sono trattati tutti i temi relativi all’arte contemporanea, dalla creazione di un portfolio artistico al diritto d’autore, dal sistema dell’arte contemporanea ai nuovi orizzonti culturali e le attuali nuove visioni. Tra loro, i pittori romani Stefania Fabrizi e Federico Lombardo, Santa Nastro, caporedattore Artribune, Christian Caliandro, storico e critico d’arte, l’artista Piero Mottola, Flavia Monceri, docente di filosofia politica presso Università degli Studi del Molise, Ivo Stefano Germano, docente di sociologia e nuovi media presso Università degli Studi del Molise, Giorgio De Finis, direttore MAAM Museo dell’altro e dell’altrove Space Metropoliz, Nicolas Ballario, resposabile Arthemisia Contemporary, giornalista, Giovanni Albanese, artista  e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, Cosimo Paiano, fotografo, Pietro Santo Leopoldo Falletta, docente di diritto presso Università degli Studi del Molise. “Un corso che ha offerto la possibilità a 10 ragazzi residenti nella regione Molise di conoscere le dinamiche e le complessità del mondo dell’arte; un’opportunità di confronto con i professionisti più accreditati del mondo dell’arte che i ragazzi hanno vissuto con intensa partecipazione”, racconta ad Artribune il curatore de L’Aratro, Piernicola Maria Di Iorio. Inoltre, il progetto prevede una mostra prevista per il prossimo gennaio in cui si presenteranno i lavori finali degli artisti partecipanti; si creerà un confronto tra artisti, docenti e studenti e si istituiranno basi concrete per la promozione degli allievi sul mercato dell’arte.

Dati correlati
CuratoriLorenzo Canova, Piernicola Maria Di Iorio
Spazio espositivoARATRO
IndirizzoVia Francesco De Sanctis - Campobasso - Molise
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.