Panorama: la nuova edizione del progetto di Italics si terrà a Monopoli

Dopo il successo della prima prova a Procida nel 2021, il consorzio delle migliori gallerie italiane sceglie la città pugliese per l’edizione 2022.

Monopoli
Monopoli

Tra la terra e il mare: la rassegna Panorama, promossa dal consorzio di gallerie italiane riunite dentro Italics, torna per la seconda edizione della sua mostra-rassegna, e sceglie la pugliese Monopoli come sede. La proposta espositiva diffusa inaugurata lo scorso anno a Procida, Capitale Italiana della Cultura 2022, sarà nuovamente affidata al curatore Vincenzo de Bellis, che dovrà tornare in Italia da Minneapolis dove lavora da direttore associato al Walker Art Center. Il programma, che prevederà itinerari d’arte tra l’antico, il moderno e il contemporaneo nella perla adriatica, si snoderà nell’antico centro medievale della città, lungo il litorale e le mura. Di più, per ora, non si sa, ma maggiori informazioni sul programma saranno comunicate presso l’Abbazia di San Giorgio Maggiore sull’omonima isola veneziana in occasione della Biennale Arte 2022, il prossimo 21 aprile. Le date comunque dovrebbero essere grossomodo le stesse dello scorso anno: inizio settembre. La Puglia così torna di nuovo ad ospitare una rassegna d’arte contemporanea internazionale dopo l’esperimento di questa estate di Palai, nel centro storico di Lecce, esperimento che i promotori francesi hanno peraltro intenzione di replicare.

COS’È ITALICS

Italics è il consorzio che riunisce oltre sessanta tra le più autorevoli gallerie d’arte antica, moderna e contemporanea attive in Italia. Nata da un’idea di Lorenzo Fiaschi (di Galleria Continua) e Pepi Marchetti Franchi (di Gagosian) maturata nell’aprile 2020 in piena pandemia, Italics è diventata il focus un gruppo di lavoro che comprende Alfonso Artiaco, Ludovica Barbieri (di Massimo De Carlo), Massimo Di Carlo (di Galleria dello Scudo), Francesca Kaufmann (di kaufmann repetto), Massimo Minini, Franco Noero e Carlo Orsi. Comune ai nove galleristi era e rimane il desiderio di costruire una rete nazionale diffusa basata sulla collaborazione e nuove modalità di condivisione esperienziale e culturale: altre 54 tra le migliori gallerie d’Italia sono state invitate a prendere parte a Italics, raggiungendo il novero di 63 professionisti.

– Giulia Giaume

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.