Carolyn Christov-Bakargiev si dimette dalla carica di direttore della GAM di Torino

La curatrice statunitense era entrata in carica due anni fa in qualità di direttore congiunto di GAM e Castello di Rivoli. Un impegno troppo gravoso che l’ha portata a lasciare la direzione della prima istituzione per occuparsi esclusivamente della seconda

Carolyn Christof Bakargiev
Carolyn Christof Bakargiev

Continua il balletto delle cariche istituzionali alla Fondazione Torino Musei. Dopo le dimissioni – operative da maggio – di Cristian Valsecchi, Segretario Generale dell’ente che gestisce Gam, Palazzo Madama, Mao e Borgo Medievale, per dedicarsi “a nuove opportunità professionali”, arrivano con largo anticipo rispetto al mandato di cinque anni anche quelle di Carolyn Christov-Bakargiev, che adesso si dedicherà esclusivamente al Castello di Rivoli.

GAM, Torino
GAM, Torino

LA DIREZIONE DI CAROLYN CHRISTOV-BAKARGIEV

Carolyn Christov-Bakargiev era entrata in carica nel gennaio 2016 in qualità di direttore congiunto di GAM e Castello di Rivoli, succedendo a Danilo Eccher e a Beatrice Merz, che hanno diretto rispettivamente la GAM dal 2009 al 2014 e il Castello di Rivoli dal 2010 al 2014. Motivo? “Un crescente impegno legato ai nuovi progetti di sviluppo e di valorizzazione del Castello di Rivoli”, si legge nella nota stampa, come il recente accordo siglato con la Fondazione Francesco Federico Cerruti per l’Arte che conferisce al Museo d’arte contemporanea la cura, lo studio, la valorizzazione e la gestione della Collezione Cerruti nella villa che diventerà nel 2019 il terzo edificio del nuovo polo museale aperto al pubblico. A cui va ad aggiungersi l’attività del nuovo centro di ricerca ed espansione della biblioteca CRRI (Castello di Rivoli Research Institute), dipartimento che si occuperà della ricerca, raccolta e valorizzazione dei materiali d’archivio di artisti, curatori, critici, galleristi e collezionisti. Una decisione, quella di Christov-Bakargiev, presa insieme al Consiglio Direttivo della Fondazione Torino Musei, che la “ringrazia per l’importante lavoro svolto per la GAM, dal riallestimento e incremento delle Collezioni Permanenti, al programma di mostre di alta qualità curatoriale come Organismi e Dalle bombe al museo nel 2016, di grande successo di critica e pubblico come L’emozione dei COLORI nell’arte realizzata nel 2017 in collaborazione con il Castello di Rivoli e la mostra antologica dedicata a Renato Guttuso tuttora in corso, oltre al ricco programma di eventi collaterali organizzati anche con la Fondazione Guido ed Ettore De Fornaris. Durante il suo mandato, oltre alle preziose esposizioni negli spazi Wunderkammer, è stato avviato alla GAM il progetto Archivi, allo scopo di valorizzare rare opere d’arte, materiali d’archivio e documenti originali. Numerose sono state le importanti collaborazioni con realtà museali e private a livello nazionale e internazionale”.

IL PRESENTE DELLA GAM

La direzione pro-tempore della GAM verrà affidata a Riccardo Passoni, da quindici anni vicedirettore della Galleria d’Arte Moderna e fino al primo aprile scorso direttore del Borgo Medievale. “La Città esprime profonda gratitudine a Carolyn Christov Bakargiev per il lavoro svolto alla Gam con competenza, passione e grande dedizione, come testimonia il recente riallestimento che rappresenta un tassello fondamentale nel rilancio della Galleria, una preziosa eredità che la nuova direzione saprà certamente raccogliere e sviluppare”, sottolinea Francesca Leon, assessore comunale alla Cultura. “Sono certa che il suo impegno al servizio delle istituzioni museali del territorio continuerà ad alimentare la costruzione di reti, generando un’offerta culturale d’eccellenza per i cittadini, i turisti e quanti visiteranno i nostri musei”.

– Claudia Giraud

Dati correlati
Spazi espositiviGAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA, CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
Indirizzo
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).