Thesaurus

Como - 03/07/2015 : 20/09/2015

L'istante della scoperta nella cultura materiale contemporanea in un esperimento di valorizzazione innovativo.

Informazioni

Comunicato stampa

Thesaurus a cura di Fabio Carnaghi è un percorso di scoperta immaginato per lo spazio delle Terme Romane di Como.
Lorenza Boisi, Tamara Ferioli, Robert Gschwantner, Francesca Ferreri, Eva Hide, Dacia Manto, Massimiliano Pelletti, Eva Reguzzoni, Andrea Salvatori, TTOZOI, Devis Venturelli esplorano il senso della scoperta presentando gli esiti di differenti ricognizioni contemporanee.
Lo scavo archeologico restituito ad una fruizione collettiva offre lo spunto per raccontare il momento della scoperta nella sua fase primigenia, nell’istante del rinvenimento. Lo svelamento è l’atto primario che rappresenta una sospensione del tempo tra la storia e il futuro


Il tesoro è affidato alla terra, ne diventa parte, ne è custodito fortuitamente come un seme o deliberatamente collocato per essere ritrovato quando forse verrà il tempo. La mostra documenta la sospensione nello stato del rinvenimento quando il reperto non fa più strato con la terra ma non ha ancora cominciato la sua seconda vita, lontano dalle teorizzazioni didascaliche.
La spazialità dell’area suggerisce un viaggio immersivo, quasi viscerale nell’osservare in una suggestiva passeggiata archeologica le risposte di undici artisti a questo tema.
Dalle riflessioni sull’interiorità della scoperta insite nell’atto dello scavo alle risultanze di una cultura materiale contemporanea, la mostra coglie il valore della restituzione di un luogo, ripensando all’emozione effimera della scoperta, che finisce nell’attimo in cui l’oggetto trovato viene appena sfiorato, atto che sancisce l’inizio della sua nuova vita.
Thesaurus è un evento promosso da Soprintendenza ai Beni Archeologici della Lombardia e da ARK Cultural Property and Contemporary nell’ambito della rassegna Biodiversity per Expo in Città, con il sostegno di Touring Club Italiano. Media partner Valduce Servizi Spa. Si ringrazia Assessorato alla Cultura del Comune di Como.