Arte Fiera Bologna 2018

Bologna - 01/02/2018 : 05/02/2018

Sono 151 le importanti gallerie chiamate a trasformare i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere, a cui si aggiungono 30 espositori legati a editoria, grafica e creatività, per un totale di 181 presenze.

Informazioni

  • Luogo: BOLOGNAFIERE
  • Indirizzo: Viale Della Fiera 20 - Bologna - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 01/02/2018 - al 05/02/2018
  • Vernissage: 01/02/2018 ore 17-21 su invito
  • Generi: arte moderna e contemporanea, fiera
  • Orari: Dal 2 al 5 febbraio 2018 Press Preview 1 febbraio ore 11.00 Vip Preview 1 febbraio ore 12.00 da venerdì 2 a domenica 4 febbraio dalle 11 alle 19. lunedì 5 febbraio dalle 11 alle 17
  • Biglietti: Costo: 25,00 euro biglietto intero / print at home 22 euro biglietto intero Costo: 37,00 euro abbonamento 4gg. (1 ingresso al giorno) / medesimo importo per print at home Costo: 35,00 euro abbonamento 3gg. (1 ingresso al giorno) / medesimo importo per print at home Costo: 32,00 euro abbonamento 2gg. (1 ingresso al giorno) / medesimo importo per print at home Costo: 15,00 euro ridotto (gruppi organizzati almeno di 15 persone con elenco) / medesimo importo per print at home
  • Sito web: http://www.artefiera.it
  • Uffici stampa: LIGHTBOX

Comunicato stampa

Arte Fiera sarà aperta dal 2 al 5 febbraio con preview il primo febbraio. Sono 151 le importanti gallerie chiamate a trasformare i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere, a cui si aggiungono 30 espositori legati a editoria, grafica e creatività, per un totale di 181 presenze.
Pur mantenendo l’architettura costruita lo scorso anno, che ha ristretto il numero di partecipazioni in favore della qualità, Arte Fiera 2018 propone alcuni nuovi elementi

In programma il 2 e il 3 febbraio il convegno internazionale a cura di Angela Vettese con Clarissa Ricci, intitolato “Tra mostra e fiera: entre chien et loup”, sul tema della crescente ibridazione tra mostre e fiere e tra aspetti culturali e mercantili.

All’interno della MAIN SECTION, alcune gallerie sono state premiate con un’area espositiva più vasta. Si crea così la sottosezione Modernity, il cui concept si rintraccia nell’etimologia del termine, dalla radice latina modo. All’interno di alcuni stand verranno dunque allestite piccole mostre personali di artisti che si ritengono particolarmente attuali, a prescindere dalla generazione a cui appartengono.

Le altre sezioni sono: SOLO SHOW, con una selezione di mostre monografiche, NUEVA VISTA, a cura di Simone Frangi, dedicata a gallerie che intendono presentare artisti e tendenze emergenti, PHOTO, a cura di Andrea Pertoldeo, che presenta una selezione di gallerie di fotografia e PRINTVILLE, a cura di Amedeo Martegani, dedicata alla stampa specializzata internazionale, ai libri d’artista, alle manifatture e ai multipli.

La sezione POLIS, quest'anno si arricchisce includendo: POLIS / ARTWORKS,che dispone in città opere proposte da gallerie partecipanti alla fiera; POLIS / CINEMA con la rassegna “La comunità che viene”, a cura di Mark Nash, che si tiene sia in fiera che al MAMbo e che riflette sul rapporto tra cinema e post comunismo; POLIS / SPECIAL PROJECTS: PERFORMING THE GALLERY , a cura di Chiara Vecchiarelli, che ribadisce l’attenzione all’opera impermanente e al suo rapporto con la galleria come medium, i progetti artistici collaborativi di giovani che hanno deciso di lavorare in una rinascente Bologna underground, raccolti in POLIS/BBQ a cura di Mia D. Suppiej.