Laracamallo di Simone Berti e Alessandro Sarra. Un nuovo libro d’artista per bambini da Les Cerises

Libri per bambini? Molto di più. La casa editrice Les Cerises lancia una collana di libri d’artista fatti di immagini ma senza parole. E spetta a chi li legge dar voce a queste storie, universali e aperte a mille narrazioni.

Laracamallo © Lupo Burtscher
Laracamallo © Lupo Burtscher

les cerises è una collana di libri senza parole, a tiratura limitata, realizzata da artisti, designer e architetti invitati per la prima volta a realizzare un libro d’artista per bambini. Ogni volume ha un formato a sé ed è composto da materiali diversi, frutto della libera fantasia degli autori. La nuova uscita si intitola Laracamallo ed è firmata dai due artisti visivi Simone Berti (Adria, 1966) e Alessandro Sarra (Roma, 1966): un libro a metà tra figurazione e astrazione, che narra dell’incontro tra un cervo e una gallina, della nascita di un sentimento tra due creature differenti e degli ostacoli che dovranno superare per dimostrare che l’amore non conosce barriere. Il messaggio degli artisti è far capire ai più piccoli (ma non solo), che la diversità non è un ostacolo, ma una forma di ricchezza.

LES CERISES, LIBRI D’ARTISTA PER BAMBINI

“Les Cerises è un progetto di libri pensati e realizzati con artisti e dedicati ai bambini. Sono libri che stampiamo in trecento o cinquecento esemplari, ma poiché crediamo nell’importanza di renderli accessibili, il prezzo di copertina è equiparato a libri ad alta tiratura. Con tirature ben diverse”, racconta Cecilia Canziani ad Artribune, responsabile del progetto editoriale assieme a un board di quattro componenti (Angelika Burtscher, Agnese Canziani e Daniele Lupo). “L’idea di fondo è che l’arte contemporanea sia capace di parlare in maniera immediata, cioè senza bisogno di mediazioni, con il pubblico dei più piccoli, e che se la frequentazione dei musei di arte contemporanea nel nostro paese è molto bassa, un metodo per facilitare l’incontro può essere un libro. Un libro senza parole che metta l’adulto e il bambino di fronte a un’immagine che parla e si apre allo sguardo”.

LARACAMALLO: GLI ARTISTI

Laracamallo è il quinto titolo pubblicato dalla casa editrice, dopo Nel buco di Maria Morganti, New York City Babe di Antonio Rovaldi, Pssst psst di Chiara Camoni e Storie di una balena di Emanuele Oliveri. La scelta è ricaduta in questo caso su due artisti diversi tra loro, ma che sono riusciti nell’intento di fondere i propri linguaggi intervenendo l’uno sui segni dell’altro, per un’opera realizzata letteralmente “a quattro mani”. Simone Berti pratica diverse tecniche: dalla pittura al disegno, dalla scultura al video. Il suo lavoro è contraddistinto dalla riflessione sulla precarietà e incertezza della realtà, restituita contrapponendo figure (umane, animali o inanimate) a uno sfondo bianco contro il quale esse si stagliano enigmatiche. I dipinti di Alessandro Sarra su tela, carta, tavola o parete sono il risultato di velature di diversi colori, quasi trasparenti o materici, diafani o intensi e attraversati a volte da segni: la sua è una riflessione sulla pittura come tempo che si fa spazio e linguaggio.“Per il nostro quinto libro abbiamo invitato Simone Berti ed Alessandro Sarra perché ci interessava lavorare sull’interazione tra astrazione e figurazione”, conclude Cecilia Canziani. “Conoscevamo i lavori realizzati dai due artisti a quattro mani e abbiamo proposto di lavorare in maniera simile. Coinvolgiamo artisti che lavorano con diversi medium, dalla scultura alla fotografia alla performance alla pittura proprio per restituire la complessità dei linguaggi dell’arte”. 

-Giulia Ronchi

https://www.lescerises.net/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Ronchi
Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Attualmente collabora con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne. Cura la rubrica “Le curatrici donne più influenti nel mondo” per Marie Claire e “Storie d’amore nella storia dell’arte” per Elle.