Strenne in forma di libro. Pensati per i più piccoli

Terza serie dei consigli editoriali che Artribune vi sta dispensando. Dopo la doppia ricognizione sui libri d’artista, risolviamo anche i problemi di genitori, zii e nonni: ai pargoli di famiglia, regalate uno di questi volumi. Ce n’è per il vegetariano e per il futuro medico, per l’appassionato di Antico Egitto e per l’amante delle favole. O della storia dell’arte.

Smriti Pradadam-Halls & Katherina Manolessou – T-Veg (Electa) - interno
Smriti Pradadam-Halls & Katherina Manolessou – T-Veg (Electa) - interno

ANNA CRESPI – CERCHIAMO INSIEME
Un ragazzo è inginocchiato sul globo terrestre, un po’ Atlante all’inverso, un po’ Narciso che si specchia nella Terra. È l’illustrazione di Tullio Pericoli, ad acquerello e china su carta, che campeggia sulla copertina della favola Cerchiamo insieme. L’autrice è Anna Crespi, personaggio celeberrimo della Milano musicale: fu lei, infatti, a fondare nel 1978 gli Amici della Scala, associazione che ancora presiede.
Crespi si rivela ora anche un’ottima narratrice per l’infanzia, al punto da far scrivere nella Premessa alla divina Carla Fracci: “Ogni pagina di questo libro è un sipario che si apre per descrivere un evento fantastico. Ogni pagina è un passo di danza”. Un viaggio di formazione che, nel migliore dei mondi possibili, dovrebbe leggere la nonna alla propria nipotina, triplicando la dinamica meta-letteraria del racconto: “La favola di Nonna e Costanza ebbe inizio quando Nonna aprì un libro che aveva portato con sé. ‘È un libro molto magico’, spiegò. ‘Le sue pagine sono tutte bianche; e bianche restano se è sfogliarle è una sola persona.’”.

Anna Crespi – Cerchiamo insieme
Mursia, Milano 2016
Pagg. 78, € 8
ISBN 9788842557258
http://www.mursia.com/
http://www.amicidellascala.it/

Hélène Druvert, Anatomia (L'ippocampo) - cover
Hélène Druvert, Anatomia (L’ippocampo) – cover

HÉLÈNE DRUVERT – ANATOMIA
In Italia la cultura scientifica e la sua divulgazione sono a livelli imbarazzanti. E purtroppo le conseguenze sono campagne criminali che vertono su argomenti di rilevanza enorme, come i vaccini, la cura dei tumori o la diffusione dell’Aids. Assume quindi un valore civile un dono come l’Anatomia di Hélène Druvert, dotatissima illustratrice che ha realizzato il volume insieme al padre Jean-Claude, che di professione fa il medico. Uscito in Francia per le edizioni de la Martinière, è stato tradotto in italiano da L’ippocampo e ne esiste anche una versione in olandese.
Quanto alle qualità cartotecniche del libro… non regalatelo a bambini esagitati. Per non distruggere i certosini tagli laser che letteralmente sfogliano il corpo umano in tutti suoi apparati, infatti, occorre avere un gran rispetto per l’oggetto. (PS: Sì, c’è anche l’apparato riproduttivo, femminile e maschile, spiegato con dovizia di particolari. Nell’attesa che nel nostro Paese si faccia seriamente educazione sessuale, si può cominciare così.)

Hélène Druvert (in collaborazione con Jean-Claude Druvert) – Anatomia
L’ippocampo, Milano 2016
Pagg. 48, € 19,90
ISBN 9788867222551
http://www.ippocampoedizioni.it/
http://www.helenedruvert.net/

Alessandra Grimaldi & Laurie Elie & Forough Raihani – Hatshepsut (L’Asino d’oro) - dover
Alessandra Grimaldi & Laurie Elie & Forough Raihani – Hatshepsut (L’Asino d’oro) – dover

ALESSANDRA GRIMALDI & LAURIE ELIE & FOROUGH RAIHANI – HATSHEPSUT
Una alla penna (Alessandra Grimaldi) e due ai pennelli (Laurie Elie e Forough Raihani): è un trio tutto al femminile quello che ha firmato Gilgamesh, l’Epopea del Re di Uruk nel 2013 e che ora, sempre per l’editore capitolino L’Asino d’oro, firma Hatshepsut. La figlia del sole. Si prosegue dunque sul filo teso fra storia e mito, ma senza concedere nulla a quella cialtroneria pseudo-divulgativa parodiata da Maurizio Crozza in Kazzenger.
Qui si narrano le vicende di Hatshepsut, secondogenita del faraone Thutmose I e della sua sposa Ahmose, nata intorno al 1505 a.C. in Egitto. Una narrazione che si sviluppa su due livelli, distinguibili anche graficamente grazie alla differente grandezza del font: i caratteri più grandi per l’ordito della storia, adatta ai più piccoli; i caratteri più ridotti per la trama, ben più ampia e documentata. Prima e dopo, moltissime illustrazioni dai colori tenui e di una grazia rara. Se poi ci aggiungete una visita al Museo Egizio di Torino, guidato dal giovane e appassionato e competentissimo Christian Greco, il successo è assicurato.

Alessandra Grimaldi & Laurie Elie & Forough Raihani – Hatshepsut
L’Asino d’oro, Roma 2016
Pagg. 72, € 25
ISBN 9788864433899
http://www.lasinodoroedizioni.it/

Marcello Jori, La storia dipinta dell'arte (Rizzoli)
Marcello Jori, La storia dipinta dell’arte (Rizzoli)

MARCELLO JORI – LA STORIA DIPINTA DELL’ARTE
Avvertenza: questo non è un libro per bambini. Non nel senso che loro sono esclusi, ma – al contrario – che anche gli adulti sono inclusi. Perché questa è una storia dell’arte, dalle origini ai giorni nostri – ovvero fino alla passerella che Christo ha installato quest’estate sul Lago d’Iseo. Perché questa è una storia dipinta dell’arte: dipinte sono le tavole, dipinto è il testo, ogni singola lettera. Perché questa storia è un’opera d’arte, firmata dalla mano e dal cervello di Marcello Jori, che nell’Introduzione scrive: “Volevo fare una storia dell’arte come faccio un’opera, dimenticando tutto, provando, avanzando a tentoni, amando appassionatamente. Ho spiato documenti, lettere, ho goduto di calligrafie, segreti, ho scoperchiato tombe”.
Un progetto enorme, duecento pagine che sono un’immersione totale in una delle più nobili conquiste dell’essere umano. Un progetto per il quale Jori ringrazia molte persone, ma in primis e giustamente Giancarlo Politi: perché è su Flash Art che questo progetto è nato e si è sviluppato, ed è giusto dare a Cesare quel che è di Cesare.

Marcello Jori – La storia dipinta dell’arte
Rizzoli, Milano 2016
Pagg. 208, € 60
ISBN 9788817082624
http://www.rizzoli.eu/
http://www.marcellojori.it/

Smriti Pradadam-Halls & Katherina Manolessou – T-Veg (Electa) - cover
Smriti Pradadam-Halls & Katherina Manolessou – T-Veg (Electa) – cover

SMRITI PRADADAM-HALLS & KATHERINA MANOLESSOU – T-VEG
La storia di un dinosauro vegetariano è un’opera letterale e metaforica. Invita, attraverso le voci e le situazioni di alcuni millenni fa, a una scelta; una scelta che nella storia è inconsapevolmente etica e che ultimamente viene spesso parodiata (le comunità vegane sono spesso popolate di persone con idee piuttosto bizzarre, ma ciò non significa che il veganesimo sia conseguentemente una scelta priva di senso). Ma è anche metafora dell’esclusione: scelte e dati di fatto spesso portano con sé dinamiche pesantissime da gestire, anche e soprattutto quando al centro ci sono dei bambini. Ed è sufficiente avere la pelle di un colore diverso, o professare una fede minoritaria o avere una peculiarità fisica per ritrovarsi a dover accampare giustificazioni, quando invece ogni nostra opzione di vita dovrebbe potersi esplicitare senza sollevare ingerenze altrui.
Che siate dunque onnivori o vegetariani, vegani o crudisti, regalate questo libro: insegna non la tolleranza – che è l’atteggiamento paternalistico adottato da chi si crede superiore – ma il rispetto. Quel rispetto che dovrebbe stare alle fondamenta di tutte le società.

Smriti Pradadam-Halls & Katherina Manolessou – T-Veg
Electa, Milano 2015
Pagg. 32, € 14,90
ISBN 9788891806192
http://www.electaweb.it/
http://www.lemoneyed.com/

Marco Enrico Giacomelli

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.