Le canzoni di Vasco Rossi nei fumetti di Dylan Dog

Uno dei cantanti simbolo della tradizione italiana, Vasco Rossi, incontra uno dei personaggi più amati del fumetto nazionale: Dylan Dog. A siglare il “gemellaggio” tre nuovi albi pubblicati nel corso dell’estate da Sergio Bonelli Editore.

Dylan Dog e Vasco Rossi. Courtesy Sergio Bonelli Editore
Dylan Dog e Vasco Rossi. Courtesy Sergio Bonelli Editore

Dylan Dog Vasco Rossi si incontrano tra le pagine di una nuova serie di fumetti. Grazie all’inedita collaborazione tra uno degli artisti italiani più amati di sempre e Sergio Bonelli Editore, per la prima volta nella sua storia il celebre detective creato da Tiziano Scalvi sarà protagonista di un ciclo di tre episodi ispirati ad altrettanti successi del rocker di Zocca: SallyAlbachiara e Jenny.
L’iniziativa, che ha il doppio obiettivo di ingannare l’attesa in vista del nuovo tour di Vasco (riprogrammato per il 2022) e celebrare i primi ottant’anni della storica casa editrice, gode della collaborazione di tre delle autrici di punta della “scuderia” di via Buonarroti: Paola Barbato, Gabriella Contu e Barbara Baraldi, che hanno dato un’interpretazione personale alle emozioni suscitate in loro dalle parole e dalla musica per trasferirle a pieno titolo nel mondo di Dylan Dog. Corrado Roi, Sergio Gerasi e Davide Furnò hanno invece visualizzato il tutto con la loro arte, mentre le copertine sono state illustrate da Gigi Cavenago e Fabrizio De Tommaso.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Ho sempre amato la sintesi, e i fumetti in questo sono perfetti: il racconto si dipana per immagini e poche parole ma quelle che bastano a farti capire un mondo intero di cose”, ha commentato Vasco Rossi. “Il mio percorso direi che va da Nembo Kid a Tex Willer per arrivare fino a Dylan Dog, il più colto, raffinato e impegnato: il suo mondo visionario mi ha affascinato. Ancora oggi è per me un mito e sono strafelice di incontrarlo”.
Aggiunge Michele Masiero, direttore editoriale di Sergio Bonelli Editore: “È curioso come gli aggettivi che si possono usare per Vasco e per Dylan siano facilmente intercambiabili tra i due: ribelle, insofferente agli schemi, determinato eppure fragile, disilluso eppure vitale. Insomma, umano, molto umano. Inevitabile, quindi, che fossero destinati a incontrarsi”.

Dylan Dog #418. Sally. Courtesy Sergio Bonelli Editore
Dylan Dog #418. Sally. Courtesy Sergio Bonelli Editore

VASCO E DYLAN DOG: LA STRANA COPPIA

Al centro dei tre episodi – che terranno banco nella serie regolare di Dylan Dog per le uscite estive – vi saranno l’ineffabile mondo interiore dell’Indagatore dell’Incubo, quella sensibilità, quei sentimenti, quegli smarrimenti che hanno contribuito a renderlo tanto amato dai lettori. Ogni albo si ispirerà a una canzone di Vasco Rossi e a una delle sue “muse”, e avrà una duplice copertina: una regolare da un lato e, sull’altro lato, una cover da collezione che vedrà l’atteso incontro tra Vasco Rossi e Dylan Dog. Per l’occasione, ogni albo avrà una foliazione speciale e sarà arricchito da sedici pagine extra che conterranno un’intervista a Vasco, i testi delle canzoni a cui si ispira l’episodio, e, nel primo albo, anche uno scritto di Tiziano Sclavi e uno di Davide Bonelli.
A inaugurare il progetto editoriale è Sally, già in vendita in edicola e fumetteria: una storia d’amore e ossessione realizzata a quattro mani da Paola Barbato e Corrado Roi.

Alex Urso

www.sergiobonelli.it
www.vascorossi.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alex Urso
Artista e curatore. Diplomato in Pittura (Accademia di Belle Arti di Brera). Laureato in Lettere Moderne (Università di Macerata, Università di Bologna). Corsi di perfezionamento in Arts and Heritage Management (Università Bocconi) e Arts and Culture Strategy (Università della Pennsylvania). Tra le istituzioni con cui ha collaborato in questi anni: Zacheta - National Gallery of Art di Varsavia, Istituto Italiano di Cultura di Varsavia, Padiglione Polacco - 16. Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia, Fondazione Benetton (catalogo “Imagus Mundi”), Adam Mickiewicz Institute. Nel 2017 è stato curatore della “Biennale de La Biche”. Dal 2014 scrive di arte per Artribune. Sempre per Artribune cura “Fantagraphic”, la rubrica di fumetti del sito. Suoi articoli e testi critici sono apparsi su cataloghi e testate di settore nazionali e internazionali.