A Matera nasce EcocNews, la prima testata online dedicata alle Capitali Europee della Cultura

Dall’esperienza maturata dalle professionalità del settore durante Matera 2019, nasce una testata che informa e mette in dialogo le Capitali europee e nazionali della Cultura del passato, del presente e del futuro. Non dimenticando tutte le altre città candidate

Sassi di Matera
Sassi di Matera

Nasce a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, EcocNews – All news about European and National Capitals of Culture, prima testata online interamente dedicata alle Capitali europee e nazionali della Cultura. Un progetto frutto dell’esperienza maturata dalle professionalità del settore impegnate in Matera 2019, e che oggi abbraccia l’intero sistema delle Capitali della Cultura – storia, attività, protagonisti – in un giornale che non è soltanto una piattaforma di informazioni, ma anche e soprattutto di scambio e conoscenza. 

ECOCNEWS, LA TESTATA SULLE CAPITALI EUROPEE DELLA CULTURA (E NON SOLO) 

EcocNews è una testata in lingua inglese fondata da Serafino Paternoster, già coordinatore dell’ufficio stampa di Matera 2019 sia durante la candidatura sia durante l’anno da Capitale, e diretta da Mariateresa Cascino con il supporto editoriale di Caterina Venece.  Il giornale si divide in quattro sezioni: News, con le notizie principali; Capitals, con le informazioni su quello che accade nelle Capitali nazionali ed europee della Cultura; Events, con le principali produzioni culturali; Ecoc of the year, con le attività proposte dalle Capitali europee dell’anno in corso (ovvero Galway e Rijeka per il 2021). Non mancano inoltre approfondimenti dedicati alle future Capitali europee, proclamate  al momento fino al 2025 (anno, questo, che vedrà protagoniste Gorizia e Nova Gorica). EcocNews “si candida a diventare un importante strumento di supporto alla comunicazione delle Capitali della Cultura”, spiega Mariateresa Cascino, “e va a coprire un vuoto informativo che non è mai stato colmato in 35 anni di storia delle Capitali Europee”. Obiettivo della testata infatti è quello di ospitare un archivio delle Capitali ma anche di tutte le altre città che si sono candidate al titolo, in modo che il loro lavoro non venga disperso.

COMUNICARE LE CAPITALI EUROPEE DELLA CULTURA

EcocNews è “uno spazio di informazione sulle attività di tutte le Capitali nazionali della Cultura, di tutte le Capitali europee della Cultura, delle città candidate e di quelle che si sono guadagnate il titolo, e su tutto ciò che riguarda questo straordinario programma comunitario, anche da un punto di vista normativo”, spiega la redazione di EcocNews nel primo articolo pubblicato sulla testata. “Crediamo che dopo 35 anni dall’inizio dell’avventura di Capitale Europea della Cultura, sia diventato necessario costruire una casa virtuale di tutte le Capitali dove scambiare notizie, discutere di programmi culturali anche per definire gli aspetti che possono essere migliorati. Crediamo che questo spazio sia ancora più importante in un momento complesso come quello che stiamo attraversando tutti e dove la strategia digitale può davvero aiutarci a costruire relazioni, definire nuove idee nell’interesse generale della cultura europea e dei cittadini europei”. Il titolo di Capitale Europea della Cultura è stato lanciato nel 1985 dal Consiglio dell’Unione Europea su iniziativa dell’allora Ministro della Cultura del governo greco Melina Merkouri, e la prima città a ottenere il titolo è stata proprio Atene.

– Desirée Maida

ACQUISTA QUI I LIBRI SU MATERA

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.