Necessario è solo il superfluo. L’intervista a Lea Vergine uscita su Artribune è ora un libro

Lea Vergine è una vera colonna portante della storia dell’arte italiana. Lo scorso giugno Stefania Gaudiosi l’ha intervistata, dando vita a una conversazione di grandissimo interesse, che ora è diventata un libro grazie a Postmedia Books.

Lea Vergine
Lea Vergine

Nel giugno del 2019 sulle pagine di Artribune è uscita una lunga video-intervista a Lea Vergine (Napoli, 1938), grandissima critica d’arte e curatrice, famosa per aver analizzato precocemente lo sviluppo di movimenti d’avanguardia come la body art (Il corpo come linguaggio,1974) e per aver messo in evidenza il ruolo, spesso dimenticato, delle artiste donne (L’altra metà dell’avanguardia, 1980). La conversazione, che ha avuto un grande successo tra i nostri lettori, fa parte di un ciclo intitolato L’arte è un delfino, ideato dall’artista e curatrice Stefania Gaudiosi e pubblicato sulle pagine di Artribune ormai da oltre un anno. Davanti ai microfoni di Stefania sono passati artisti, designer, galleristi, filosofi e musicisti, con l’obiettivo di mettere in piedi una discussione profonda sul ruolo delle arti nella società contemporanea.

L’ARTE COME RIFUGIO

L’arte non è necessaria. È il superfluo. E quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici è il superfluo. Non può utilizzarla, l’arte, nella vita. ‘Arte e vita’ sì, nel senso che ti ci dedichi a quella cosa, ma non è che l’arte ti possa aiutare. Costituisce un rifugio, una difesa. In questo senso è come una benzodiazepina”, così Lea Vergine rispondeva a una delle prime domande della Gaudiosi, quella sul ruolo e sul senso dell’arte. Ed è da questo passaggio che prende il titolo il libro Necessario è solo il superfluo, da poco uscito per Postmedia Books all’interno del progetto Sartoria Editoriale. Si tratta della prima pubblicazione nata all’interno di un laboratorio tessile editoriale con sede a Milano, costola del progetto ArtCityLab di Gianni Romano e Rossana Ciocca, che organizza corsi e workshop con autori e maker da tutta Italia. Le prime dieci copie del libro, che esce in edizione limitata, sono state infatti realizzate artigianalmente nella Sartoria, dove sono a disposizione del pubblico. Durante la conversazione sono tanti i temi che vengono toccati: dalla formazione della Vergine come critica e curatrice, all’importanza dell’arte per l’educazione delle persone, all’intreccio tra vicende personali e pubbliche, tra vita e mondo dell’arte. Fino alla discussione sulle città più importanti della vita della critica partenopea: Napoli, luogo di nascita, e Milano, metropoli d’adozione e scenario di tante importanti imprese lavorative.

www.postmediabooks.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.