La bellezza ci salverà? Succede, almeno nei romanzi

Un breve testo inedito dello scrittore francese David Foenkinos riporta al centro il potere salvifico dell’arte. Mentre è appena uscita la versione italiana del suo ultimo romanzo, che sarà presentato a Napoli, nella sede dell’Institut français, il 19 giugno, in dialogo con Sylvain Bellenger e Andrea Viliani.

David Foenkinos. Photo © F. Mantovani
David Foenkinos. Photo © F. Mantovani

Verso la bellezza è un romanzo che tenta di mostrare come l’arte possa essere una consolazione. All’inizio del libro, il personaggio principale decide di rifugiarsi in quello che ritiene essere il luogo della bellezza: il Musée d’Orsay a Parigi. Ha vissuto un dramma – lo si scoprirà molto più avanti – e cerca di cicatrizzarlo attraverso la contemplazione delle opere, quelle di Modigliani in particolare. Questo personaggio, Antoine Duris, è uno specialista del pittore italiano e si ritrova a fare il semplice guardasala. A volte non sopporta le spiegazioni approssimative della guida e si alza di scatto per interromperla! Mi piaceva l’idea che quest’uomo abbia bisogno, in quel momento della sua vita, anche se è un professore emerito all’Accademia di Belle Arti, semplicemente di sedersi tutto il giorno in mezzo alle opere. Jeanne Hébuterne, la musa di Modigliani, diventa come una collega per lui. È un argomento molto personale, perché sono stato gravemente malato quando avevo 16 anni. Sono stato operato al cuore e ho passato mesi all’ospedale.

David Foenkinos - Verso la bellezza (Solferino, 2019)
David Foenkinos – Verso la bellezza (Solferino, 2019)

I libri allora sono entrati nella mia vita e mi hanno salvato. E in senso più generale: la sensualità. Dopo ho amato la musica, la pittura, tutto quello che poteva procurarmi un’emozione, e la densità dei giorni. Antoine Duris, l’eroe di Verso la bellezza, troverà la forza per riprendersi stando semplicemente di fronte a opere che lo toccano nel profondo. Allora riuscirà a tornare sulle tracce del dramma da cui è fuggito. Tutto questo ha un legame con una delle sue allieve, Camille. È un personaggio che ho creato echeggiando Charlotte Salomon, una pittrice tedesca che mi affascina e sulla quale ho scritto il romanzo Charlotte. Camille è una ragazza rovinata dalla violenza degli uomini e che fa di tutto per rinascere grazie alla pittura. Cerca nel più profondo di se stessa la bellezza per salvarsi. Se l’arte può consolare, può anche guarire. Ma non si tratta di una terapia qualunque. È una conversazione con l’estetica, e da questa unione può nascere un’elevazione che ci permette di superare i dolori. È tutta la speranza che possiamo riporre nella bellezza.

David Foenkinos

David Foenkinos – Verso la bellezza
Solferino Libri, Milano 2019
Pagg. 256, € 18
ISBN 9788828201564
www.solferinolibri.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.