Arte e politica in 8 libri

Dopo i gadget a tema “arte e politica”, una selezione di libri che tentano di svegliare dal torpore dell’epoca attuale. Sempre all’insegna del “not in my name”.

1. COSTUME

Luciano Lapadula – Il macabro e il grottesco nella moda e nel costume (Progedit 2017)

Altro che storcere il naso: la moda e in generale il costume sono specchi eloquentissimi della società in cui viviamo. Senza moralismi, bisogna saper guardare con lucidità a questi fenomeni. Come ha fatto Luciano Lapadula in un libro coinvolgente e informatissimo.

Luciano Lapadula Il macabro e il grottesco nella moda e nel costume
Progedit, Bari 2017
Pagg. 216, € 25
https://progedit.com

2. DOCUMENTO

David Campany – Così presente, così invisibile (Contrasto 2018)

La fotografia documenta la realtà”. Questa affermazione, se non falsa, è almeno approssimativa. Le 14 conversazioni raccolte in questo volume partono in qualche modo tutte da qui, e in un altro modo arrivano tutte alla distopia. In mezzo c’è il mondo – purtroppo?

David Campany – Così presente, così invisibile
Contrasto, Milano 2018
Pagg. 263, € 24,90
http://contrastobooks.com

3. INCLUSIONE

L’arte contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità (Armando 2018)

È presto detto: il Museo Omero di Ancona è un luogo straordinario. Un luogo dove non si arrangiano percorsi per i non-vedenti, ma si fa esattamente il contrario: si spinge ogni visitatore a deporre per un momento il primato della vista a favore degli altri sensi.

Aldo Grassini, Andrea Sòcrati, Annalisa Trasatti – L’arte contemporanea e la scoperta dei valori della tattilità
Armando, Roma 2018
Pagg. 144, € 13
www.armandoeditore.it

4. GUERRA

Le immagini delle guerre contemporanee (Meltemi 2018)

Maurizio Guerri, docente di Filosofia a Brera, ha messo insieme un consesso notevole per ragionare sulla guerra, utilizzando gli strumenti dell’estetica e dei visual studies. Dalla trincea come passage al binomio kamikaze & droni, passando per il ruolo di YouTube.

Maurizio Guerri (a cura di) – Le immagini delle guerre contemporanee
Meltemi, Milano 2018
Pagg. 446, € 28
www.meltemieditore.it

5. IMPEGNO

Arte fuori dall’arte (Postmedia 2017)

34 saggi. Un libro prezioso che analizza l’arte e il suo rapporto con la società negli Anni Settanta italiani. A doverne scegliere uno, sarebbe La scelta di Piero di Elisabetta Longari. Dedicato a Piero Gilardi, le cui scelte radicali sono qui esposte magistralmente.

Cristina Casero, Elena Di Raddo, Francesca Gallo (a cura di) – Arte fuori dall’arte
Postmedia, Milano 2017
Pagg. 300, € 26
www.postmediabooks.it

6. SEVENTIES

Filiberto Menna – Cronache dagli anni Settanta (Quodlibet 2017)

Fra le innumerevoli attività, Filiberto Menna era pure un fine giornalista. Le sue cronache e i dibattitti critici che seppe accendere e governare negli Anni Settanta su testate come Il Mattino, il Corriere della Sera, l’Unità, Paese Sera sembrano provenire da un’Italia atlantidea.

Filiberto Menna – Cronache dagli anni Settanta
Quodlibet, Macerata 2017
Pagg. 176, € 16
www.quodlibet.it

7. STORYTELLING

Racconti da museo (Edipuglia 2018)

Parola abusata anzichenò, ‘storytelling’ ha dentro di sé infinite possibilità, dalla più geniale alla più banale. Se però dietro ci si piazza una persona come Cinzia Del Maso, che fra le tante cose dirige una rivista che si chiama Archeostorie… beh, immaginatevi che libro ha coordinato.

Cinzia Dal Maso (a cura di) – Racconti da museo
Edipuglia, Santo Spirito 2018
Pagg. 250, € 16
https://edipuglia.it/

8. EUROPA

Michele Gerace – È l’Europa, bellezza! (Rubbettino 2018)

Quanto può essere inattuale un libro? Ad esempio questo inno assennato (quindi non acritico) all’Europa e all’essere europei, culturalmente europei. In pochi mesi è successo di tutto, dalla crisi della Diciotti all’exploit sovranista. Per questo è ancora più importante leggerlo.

Michele Gerace – È l’Europa, bellezza!
Rubbettino, Soveria Mannelli 2018
Pagg. 114, €8
www.store.rubbettinoeditore.it

Marco Enrico Giacomelli

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #45

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giornalista e dottore di ricerca in Estetica, ha studiato filosofia alle Università di Torino, Paris8 e Bologna. Ha collaborato all’"Abécédaire de Michel Foucault" (Mons-Paris 2004) e all’"Abécédaire de Jacques Derrida" (Mons-Paris 2007). Tra le sue pubblicazioni: "Ascendances et filiations foucaldiennes en Italie: l’operaïsme en perspective" (Paris 2004; trad. sp., Buenos Aires 2006; trad. it., Roma 2010), "Another Italian Anomaly? On Embedded Critics" (Trieste 2005), "La Nuovelle École Romaine" (Paris 2006), "Un filosofo tra patafisica e surrealismo. René Daumal dal Grand Jeu all'induismo" (Roma 2011), "Di tutto un pop. Un percorso fra arte e scrittura nell'opera di Mike Kelley" (Milano 2014), "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (Paris 2016, con Arianna Testino). In qualità di traduttore, ha pubblicato testi di Augé, Bourriaud, Deleuze, Groys e Revel. Nel 2014 ha curato la mostra (al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano) e il libro (edito da Marsilio) "Achille Compagnoni. Oltre il K2". Nel 2018 ha curato la X edizione della Via del Sale in dieci paesi dell'Alta Langa e della Val Bormida. Ha tenuto seminari e lezioni in numerose istituzioni e università, fra le quali la Cattolica, lo IULM, l'Università Milano-Bicocca e l'Accademia di Brera di Milano, la Libera Università di Bolzano, l’Alma Mater di Bologna, la LUISS di Roma, lo IUAV e Ca' Foscari di Venezia, l'Accademia Albertina di Torino. Redige (insieme a Massimiliano Tonelli) la sezione dedicata all'arte contemporanea del rapporto annuale "Io sono cultura" prodotto dalla Fondazione Symbola. Insegna Critical Writing alla NABA di Milano. È vicedirettore editoriale di Artribune e direttore responsabile di Artribune Magazine.