Ricordi di un mercante d’arte. Il libro di Heinz Berggruen

Edito da Skira, “Ricordi di un mercante d’arte” evoca la storia di Heinz Berggruen, che condensa fra le pagine del libro una vita all’insegna della creatività. Raccontata dal punto di vista di un gallerista.

Heinz Berggruen con Frida Kahlo
Heinz Berggruen con Frida Kahlo

Ricordi di un mercante d’arte è il titolo del recente volume, pubblicato da Skira, su una storia della storia dell’arte del XX secolo. Autore è il gallerista Heinz Berggruen, nato a Berlino nel 1914 da una famiglia ebrea e per questo costretto a scappare dalla Germania negli Anni Trenta. Non si tratta di un’autobiografia, quanto di una serie di divertenti articoli, parecchi pubblicati sui giornali, attraverso i quali è possibile ricostruire la storia di questo personaggio intelligente, spiritoso che racconta della sua professione con molta semplicità. La traduzione in italiano è del giornalista Enrico Arosio, che forse contribuisce a rendere lo snello volume particolarmente leggibile.

LA STORIA

Tra i grandi amori di Berggruen, Paul Klee, che non riesce a conoscere, per motivi anagrafici, e quindi Pablo Picasso, con il quale ha un rapporto strettissimo, ma anche Matisse, Helmut Newton e quello indiretto ma fortissimo con il cubista madrileno Juan Gris, scomparso nel 1927, del quale prepara il catalogo generale insieme al “furioso” Douglas Cooper.
Il gallerista è vissuto sino a novantatré anni, la sua è stata una storia appassionante, iniziata nel negozio di cartoleria dei genitori a Berlino, proseguita in California, dove si rifugia e dove studia all’università mantenendosi come cameriere e quindi a Parigi, la città del cuore, dove vive a partire dal 1947 e dove fonda la Galerie Berggruen, e ancora in Germania, dove torna a più di ottant’anni. A Berlino, al Castello di Charlottenburg, lascia la sua importante e preziosa collezione, con un gesto che segna la pace nei confronti di un Paese che molti anni prima lo aveva perseguitato.

Heinz Berggruen ‒ Ricordi di un mercante d’arte (Skira, Milano 2017)
Heinz Berggruen ‒ Ricordi di un mercante d’arte (Skira, Milano 2017)

UN MERCANTE ESPERTO

Dal libro emerge un esperto mercante, in grado di comprare uno splendido disegno di Picasso da Paul Éluard, che per invogliarlo al prezioso acquisto, nel 1950, gli regala un disegno di Klee. Disegno che il gallerista riesce a rivendere in pochissimo tempo e a pagare così il Picasso che non poteva permettersi.
Tra i suoi clienti, oltre a Gianni Agnelli, anche il barone Alain de Rothschild, al quale vende, assai intimorito, un acquerello di Picasso del 1905-1906, del periodo rosa dei Saltimbanques, un regalo di nozze per il collezionista Frank Haviland. Quando il gallerista, dopo avere impacchettato il prezioso oggetto, fa per accompagnare il barone alla sua auto dove suppone lo aspetti l’autista, Rothschild gli risponde semplicemente che l’autista non ce l’ha e che avrebbe preso la metropolitana più vicina. Bergrgruen ricorda la storia e la intitola Lusso, lusso vero.
E quindi il rapporto con Alberto Giacometti, spesso silenzioso, che il gallerista guardava lavorare nello spartano atelier parigino. Una storia nell’arte e per l’arte fatta di quotidianità con personaggi davvero particolari, da Gertrude Stein a Henri Matisse, piccatissimo con il giovane gallerista che non gli aveva mostrato le prove di stampa di catalogo e inviti per la mostra nel suo spazio, nel marzo del 1953.

Angela Madesani

Heinz Berggruen ‒ Ricordi di un mercante d’arte
Skira, Milano 2017
Pagg. 144, € 14,90
ISBN 9788857235103
www.skira.net

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.