100 anni di De Stijl. Parte da L’Aia l’anno di celebrazioni: ecco le immagini

Istituzioni, musei, persino il lago davanti al Parlamento assumono i colori e le linee del grande artista olandese. Il movimento, nato nel 1917, è oggetto di una grande celebrazione per i cento anni

L’Aia celebra De Stijl
L’Aia celebra De Stijl

L’Aia celebra De Stijl. Per i 100 anni del movimento noto anche con il nome di Neoplasticismo e promotore di un’arte astratta, essenziale e geometrica, la città inaugura un programma fittissimo di iniziative, esposizioni e manifestazioni e “mondrianizza” la città. Si parte dalla mostra inaugurata negli scorsi giorni nella città olandese, al Gemeente Museum: praticamente una doppia personale che mette insieme alle opere del più famoso Piet Mondrian quelle di Bart van der Leck. Senza dimenticare di descrivere attraverso oggetti, disegni, fumetti, riviste la dimensione del tempo in cui si è collocato il Neoplasticismo, nato nel 1917 con la pubblicazione dell’omonima rivista da parte di Theo van Doesburg. Le linee, i colori, le architetture inventate dal gruppo che comprendeva anche Gerrit Thomas Rietveld, Ludwig Mies van der Rohe, Max Bill, Walter Gropius tra gli altri, pur affondando le radici nella tradizione, cambiarono per sempre la storia del design nei Paesi Bassi.

MONDRIAN E LA CITTÀ

Piet Mondrian and Bart van der Leck, questo il titolo della mostra, dà grande attenzione alla relazione artistica e umana tra i due pittori, il secondo dei quali è nato a Utrecht, ma ha operato per larga parte della sua carriera a L’Aia, città dove si svolge l’evento. La mostra è inoltre “il calcio di inizio” di un programma di appuntamenti in occasione del centenario che durerà tutto l’anno toccando le sedi del Central Museum di Utrecht, la Casa Rietveld Schröder nella stessa città, la casa di Mondrian e il Rietveld Pavilion a Amersfoort, tra le molte altre istituzioni coinvolte nelle celebrazioni. Nel frattempo l’Aia si veste con i colori e le linee di Mondrian, andando a modificare la facciata del Cinema della Città e della City Hall, mentre nelle acque del lago antistante il famoso Parlamento sono comparse delle forme colorate “mondrianesche” fluttuanti sulla superficie. Ecco qualche immagine…

Santa Nastro

https://www.gemeentemuseum.nl/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.