L’incredibile storia di un orologio diventato icona. La costruzione di un impero commerciale, edificato sulle ceneri di una tradizione ormai sbiadita. Il rapporto, antico e saldo, con l’arte contemporanea. Tutto questo, e molto altro, è Swatch, un piccolo oggetto di plastica che ha cambiato il concetto d’orologio. Ma soprattutto, la vecchia maniera di fare impresa. Partner della 54. Biennale di Venezia, Swatch non smette di cambiare pelle. Restando, saggiamente, quel che è. Un evergreen a buon mercato, esclusivo ma democratico. La prima parte di un pop-saggio firmato Helga Marsala.
Se fino a oggi il marchio “Made in China” ci ha fatto storcere il naso, potrebbe, da domani, essere invece garanzia di qualità. La Triennale di Milano ci invita a scoprire il design cinese. E sono sorprese. Fino all’11 settembre.
Poteva mancare su Artribune una rubrica dedicata al diritto, ovviamente con un focus ben definito su arte e parenti stretti? Certo che no. E così nasce “Duralex”. Vi riproponiamo, direttamente da Artribune Magazine #1, un caso che farà giurisprudenza.
Sembra di assistere a una pena che segue la legge del contrappasso dantesca, a vedere dei carcerati intenti a realizzare 10mila origami con le pagine di vecchi codici civili e penali. È in realtà l’idea del designer belga Charles Kaisin,...
Ultima novità di ArtnetAuctions è l’apertura di un dipartimento dedicato al Design del XX e XXI secolo, capeggiato da Brent Lewis, forte della sua esperienza come specialista di Christie’s. Nuovi lotti di Design verranno inseriti ogni settimana nella sezione di aste...
Ultimo colpo d’ala dell’era Barbero anche per il Macro declinazione Testaccio, prima immergersi nell’estate 2011 e nell’ormai prossima gestione Pietromarchi. All’interno del contenitore Giornate della Creatività e dell’Innovazione, dedicato per la sua terza edizione alle fatidiche “imprese creative”, arriva...
L’appuntamento è annuale, e siamo giunti al terzo capitolo del progetto. Gli ideatori sono Barbara Brondi e Marco Rainò, che insieme costituiscono lo studio di progettazione architettonica brh+. Per intenderci, quelli che si sono occupati della sezione dedicata al...
Un nuovo spazio espositivo nel cuore di Roma, che nasce con l’obbiettivo “di creare sinergie fra architettura, design, arte, artigianato”. E nasce in una location ben nota ai frequentatori dell’artworld capitolino e non solo, quel civico 10 di Via...
Il Compasso d’Oro stanato da Milano. In nome dell’Unità Nazionale. Il design Made in Italy arriva nella Capitale con due esposizioni che trovano nel “saper fare italiano” una chiave di coesione e identità comune.
La città di Milano celebra uno fra i più illustri dei suoi figli con una doppia retrospettiva. Gio Ponti, architetto, designer, ceramista, critico, o più semplicemente artista completo, dimostra ancora una volta che la creatività non ha bisogno di confini né di ferree definizioni. Alla Triennale e al Pirellone, fino al 24 luglio, la mostra che doveva inaugurare la sede newyorchese.
Quattordici aziende simbolo del made in Italy si raccontano in una mostra appena aperta a Roma. Riunendo il meglio della creatività nostrana dagli anni ‘60 a oggi. E, insieme, sostengono la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2020. Esposti un gran numero di oggetti e testimonianze: dalle scarpe disegnate da Ferragamo per Marilyn Monroe al primo, mitico calendario Pirelli. E persino un film industriale diretto da Bernardo Bertolucci. Artribune ne ha parlato con il curatore, Antonio Romano, uno dei massimi esperti di corporate design.
Si occupa di architettura e design, ma improvvisamente si è messa a dare in numeri. Chi? Architectural digest, la nota rivista francese che, per festeggiare il suo numero 100, non ha trovato di meglio che stilare la prima classifica...

I PIÙ LETTI