street & urban art

street & urban art

Un bambino nel vento impetuoso di uno sbarco. Con il giubbetto di salvataggio e con in mano un razzo segnaletico. Fluorescente nella notte. È comparsa un’opera straordinaria al 99% attribuibile a Banksy durante i giorni dell’apertura della Biennale a Venezia. Ma nessuno se n’è accorto. Tutte le foto
Ha messo il muro di confine al centro di indagini sociali e di architettura. L’installazione di Rael è sì un gioco, ma anche un atto di ribellione che permette a popoli divisi di restare connessi tra loro.
Il critico d’arte istituisce nuovamente il premio, in pausa da anni, e incorona un duo femminile. In mostra a Cortina e Belluno lavori di street art, installazione e video
A Livorno compare un omaggio al mitico attore italiano, amatissimo da generazioni di fan e simbolo di un certo cinema commerciale, ingenuo, artigianale. Buffa, lontana da qualunque estetica contemporanea, l’opera è in buona compagnia. A Livorno, come in tutta Italia. L’arte pubblica, al di là di una certa piega populista e ruffiana, perché non interessa più le amministrazioni?
Prosegue la nostra ricognizione sui protagonisti della Street Art nostrana. A prendere la parola è Blub, autore delle ormai celebri figure con la maschera subacquea, dipinte generalmente sugli sportelli che racchiudono le terminazioni elettriche urbane e ispirate ai personaggi dell’arte.
Il Prof. Avv. Giovanni Maria Riccio spiega, dal punto di vista legale, il caso del murale raffigurante Carola Rackete realizzato da TVBoy a Taormina e deturpato da un leghista. E apre una riflessione sul concetto di “proprietà” nella street art
Quarantanove anni esatti. Nel gennaio del 1968 il terremoto del Belice, in Sicilia, lasciava dietro di sé morti, feriti, macerie. Nel ricordo di quei giorni, ripercorriamo la vicenda di Gibellina, che rinacque in un nuovo sito, grazie anche all’arte e all’architettura contemporanee. Fra intuizioni geniali e critiche sparse. Ed ecco che oggi, a sorpresa, spunta una nuova opera d’arte pubblica…
L’artista originario di Alessandria ripercorre la sua storia di street artist e non solo. Senza risparmiare qualche critica al panorama dell’arte contemporanea in Italia.
Storia di un assessore che non amava Keith Haring e snobbava l’opera d’arte pubblica più nota in città. Valanga di polemiche e insulti. Poi le spiegazioni, quindi la resa. Una partenza decisamente tormentata, quella di Andrea Buscemi, nella nuova giunta comunale di Pisa…
Sono comparsi a Bologna dei poster graficamente molto ben fatti, che attualizzano la memoria femminista. Un progetto del collettivo Cheap. Temi sociali nello spazio pubblico, ricordando quanto sia ancora decisiva la battaglia per la parità di genere.
Il piccolo borgo in provincia dell’Aquila, sede dell’osservatorio astronomico più alto dell’Italia centrale, ospita per il terzo anno consecutivo il festival di street art che ha trasformato Aielli in un museo a cielo aperto
Nuovo appuntamento con la rubrica dedicata alla Street Art. Stavolta i riflettori si accendono su Demetrio Di Grado.

I PIÙ LETTI

require(["mojo/signup-forms/Loader"], function(L) { L.start({"baseUrl":"mc.us10.list-manage.com","uuid":"dac4a3f480ace15f828415bfc","lid":"dc515150dd"}) })