Ritorna alla Scala di Milano uno dei ballerini più interessanti delle ultime generazioni, l’americano David Hallberg. Per una Giselle molto convenzionale, in coppia con Svetlana Zakharova, e in cui svetta soprattutto il Corpo di Ballo.
Danza, registrazione delle caratteristiche della città, performance coesistono nell’opera “As If We Were Dust”, di Alessandro Carboni.
Reportage dal PerAspera Festival di Bologna, che ha dato vita a un dialogo serrato tra il linguaggio performativo, la realtà virtuale e la città.
Al Romaeuropa Festival la coreografa Lia Rodrigues mette in scena uno spettacolo energico, selvaggio, tagliente, coniugando la danza contemporanea con la musica rituale della Nuova Caledonia. Un’estasi materiale attraverso la quale scavare in profondità nelle zone più fantastiche dell’immaginazione umana.
La quattordicesima edizione di “Short Theatre”, festival settembrino dedicato alle arti performative a Roma, tenta di moltiplicare e mescolare sguardi e prospettive per creare, insieme alla comunità che lo attraversa, una più ampia visione d’insieme.
Il coreografo anglo-bengalese Akram Khan ha portato in scena a Roma e a Torino lo spettacolo “Xenos”, ispirato alla danza classica dell’India del Nord.
La compagnia Opera Bianco ha messo in scena al Festival Crisalide di Forlì un lavoro che chiama in causa la figura del clown e le sue molte sfaccettature.
Apre i battenti oggi, martedì 17 settembre, il festival romano dedicato alle arti performative. Offrendo un programma tutto da scoprire.
Lo sguardo a Oriente, alle connessioni tra l’Est e l’Ovest del mondo, oltre alle contaminazioni tra danza, acrobazia, circo contemporaneo, hip hop, ha caratterizzato la ricca e articolata edizione 2019 del Festival Oriente Occidente di Rovereto.
Il Premio alla Carriera, il Premio danzatrice dell’anno, il Premio all’insegnamento: tutti i riconoscimenti assegnati nella 47esima edizione del più antico festival al mondo dedicato all’arte coreutica.
Si intitola "Padre nostro" il lavoro di Babilonia Teatri presentato al "Festival B.Motion" di Bassano del Grappa.
Il coreografo greco Dimitris Papaioannou è il primo ospite della compagnia di Pina Bausch. Con uno spettacolo che celebra l’elemento femminile.

I PIÙ LETTI

Editoriale