Homeland è razzista? L’editoriale di Aldo Premoli

Homeland è una delle serie tv più seguite, e in effetti di ragioni per guardarla ce ne sono tante. Ma qualcuno sostiene che sia razzista. E l’hanno anche dimostrato, mescolando fiction e realtà.

Una delle scritte in arabo di Heba Y. Amin riprese in Homeland
Una delle scritte in arabo di Heba Y. Amin riprese in Homeland

Non ho timore a confessarlo. Sono un consumatore compulsivo di serial televisivi, negli ultimi anni divenuti produzioni spesso così ben fatte da reggere il confronto con molta della produzione cinematografica attuale.
Per ragioni diverse ho amato True detectives, sono rimasto deliziato da Honorable Woman, i sei straordinari episodi di produzione BBC ambientati all’interno del conflitto israeliano-palestinese, e mi sono lasciato corrompere da Empire, decisamente tacky ma così ben confezionato (ambienti, musiche, costumi) da risultare una carta moschicida capace di attrarre un pubblico tanto vasto da renderlo lo show più profittevole del momento per gli introiti pubblicitari che è in grado di attrarre.

Tra i più ipnotici c’è poi Homeland, serial che negli ultimi anni ha raccolto tutte le onorificenze possibili della critica televisiva. Prodotto negli Stati uniti dal 2011, si avvale di personaggi per lo più poco equilibrati: Carrie Mathison, un’agente della CIA con profondi disturbi bipolari, instabile ma dotata di un intuito e di una determinazione maniacali, è convinta che il marine statunitense Nicholas Brody, a lungo detenuto da al-Qaeda come prigioniero di guerra, faccia parte di una cellula dormiente e sia un rischio significativo per la sicurezza nazionale.
Nello svolgimento della trama, buoni e cattivi, militari e civili, occidentali e mediorientali si confrontano all’interno del caos geografico ed emotivo di cui tutti siamo ormai consapevoli di vivere anche nel mondo che ci circonda.
Nelle scorse settimane però, a complicare ulteriormente le cose, realtà e fiction si sono confuse. In una sequenza del secondo episodio della quinta stagione, Carrie Mathison viene scortata da un militante di Hezbollah all’interno di un campo profughi siriano e passa di fianco a un muro coperto di graffiti in arabo.

Una delle scritte in arabo di Heba Y. Amin riprese in Homeland
Una delle scritte in arabo di Heba Y. Amin riprese in Homeland

La scena è stata in realtà girata a Berlino dove un artista egiziano, Heba Y. Amin, messo sull’avviso proprio da una telefonata della produzione alla ricerca di artisti di strada arabi in grado di affrescare il set, su quel muro aveva in precedenza scritto “Homeland is racist”, “There is no Homeland” e “Homeland is not a show”. Contando sulla poca dimestichezza della troupe statunitense con l’arabo scritto, Amin ha così sfogato il suo malcontento per uno spettacolo che a suo parere ritrae il mondo musulmano in modo insopportabilmente stereotipato.
Sul suo sito Amin si fa interprete di un’analisi accurata delle inesattezze di cui è ricca la serie: a suo parere pericolosissime per la disinformazione che generano tra i milioni di spettatori che la seguono in tutto il mondo.

Aldo Premoli
trend forecaster

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #28

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua 
inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Aldo Premoli
Milanese di nascita, vive a Noto e Cernobbio. E poi New York e Washington, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1989 e il 2000 dirige “L’Uomo Vogue”. Nel 2001 fonda Apstudio e fornisce consulenze ad aziende e associazioni industriali italiane e straniere. In questo periodo ha tenuto conferenze in tre continenti per Ice, Anci e Aimpes e curato esposizioni che fanno da ponte tra arte e moda. Tra il 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte, scienza ed etica. Attualemnte è blogger di “Huffington Post”, columnist de “Linkiuesta”, direttore della piattaforma super local SudStyle.it. Senior curator di San Sebastiano Contemporary a Palazzolo Acreide. A Catania ha fondato l’onlus Mediterraneo Sicilia Europa, che si occupa di integrazione scolastica di minori in difficoltà. Nel 2021 ha fondato La Cernobbina Artstudio. Svolge la sua attività di visiting professor per Accademie del nord come del Sud della penisola.