Re Place 2, L’Aquila: illuminazione e riemersione

Mentre l’Italia intera si avvia placidamente (forse) verso il crollo, c’è una città che ha già compiuto questa esperienza dolorosa. Una città su cui – una volta spentisi i riflettori del carrozzone politico e spettacolare, una volta esaurite le retoriche dell’illusione – è calato da troppo tempo il silenzio colpevole della stampa e di tutto il dispositivo mediatico nazionale.

Carlo Bernardini - La materia è il vuoto - 2011 - Forte Spagnolo, L'Aquila

L’Aquila è il grande rimosso italiano degli ultimi anni. L’ultimo in ordine di tempo, e forse il più doloroso. Quello con le conseguenze più gravi. Non voler guardare L’Aquila, non voler sapere ciò che (non) succede, la ricostruzione mai avvenuta e neanche avviata, è un atteggiamento molto pericoloso: in primis, naturalmente, per gli aquilani, sottoposti a un trattamento crudele insieme di oblio e ospedalizzazione, a un sequestro fisico e immateriale. Di presente e di futuro, di vita quotidiana e di immaginario. E pericoloso per tutti noi: perché, con ogni probabilità ed evidenza, dalla rinascita de L’Aquila passerà anche la rinascita dell’Italia – così come dalla decadenza de L’Aquila passa la decadenza dell’Italia.
Oggi l’arte prova faticosamente a illuminare la città – a farla riemergere nel vissuto nazionale – con la seconda edizione di Re Place, organizzata dall’Associazione Amici dei Musei d’Abruzzo, in collaborazione con il Liceo Artistico Bafile e l’Accademia di Belle Arti (e realizzata con il sostegno del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale POR-FESR 2007-2013). Dopo la prima edizione dello scorso anno, in occasione dell’anniversario del terremoto (con l’installazione luminosa di Mario Airò curata da Pier Luigi Sacco), questa nuova puntata prova a rilanciare, ad allargare lo spettro. Tornando nel centro storico, di fatto, ancora abbandonato – a 32 mesi dal sisma.

Fabrizio Corneli - Le ombre e le luci dell'amore - Piazza Duomo, L’Aquila

Le opere di Carlo Bernardini, Giovanni Albanese, Licia Galizia e Michelangelo Lupone, Fabrizio Corneli proveranno, da domani al 31 dicembre, a portare luce, calore, vita lì dove non ci sono più da troppo tempo. Riattivando angoli preziosi del centro storico, ricordi che vogliono essere anche e soprattutto aperture di futuro: il Forte Spagnolo; via Tre Marie, con il ristorante omonimo; la piazza antistante il Palazzo dell’Emiciclo, sede del Consiglio Regionale; un palazzo in Piazza Duomo.
Questi interventi, infatti, non hanno nulla a che vedere con l’autoreferenzialità eletta a regola, né con il piagnisteo vuoto e peloso. Si interrogano con serietà e responsabilità sulla funzione dell’arte in una situazione di questo tipo, così sconvolgente e per molti versi annichilente. Che cosa può fare, realmente, un artista in un caso e in un tempo del genere? Qual è il ruolo dell’arte in una crisi insieme esistenziale e materiale, sociale ed economica? Illuminare. Attrarre luce. Riscaldare. Attrarre calore. Rivitalizzare, almeno tentare, e tentare sul serio.

Giovanni Albanese - Canestro - dettaglio del progetto per Via Tre Marie, L’Aquila

Dichiara in proposito Germana Galli, ideatrice dell’iniziativa: “Perché la luce? La luce è essenziale e senza non c’è vita. Tanto più è evidente ora nella città dove i luoghi bui sono come inghiottiti da un buco nero. Le stesse tradizionali illuminazioni della città vuota hanno perso un loro significato. Gli artisti che partecipano a questa edizione di ‘Re Place’ hanno scelto di lavorare  partendo da queste considerazioni. È un ‘segno’ d’arte e un segnale di vitalità.”
È un tentativo di “espugnazione” del presente da parte di una comunità: il rifiuto del presente e del futuro lugubre a cui sembra essere stata consegnata, e la riappropriazione legittima di un’identità collettiva che coincide con un luogo, con i luoghi della propria vita. La riappropriazione di un orizzonte.

Licia Galizia e Michelangelo Lupone - Enigma del centro - Palazzo dell'Emiciclo, L’Aquila - photo M. Palpacelli

Questa operazione non è qualcosa che riguarda solo quella comunità: la comunità in questione è l’Italia. Ci riguarda tutti, e tutti ne facciamo parte. Il “buco nero” di cui parla Germana Galli è infatti anche una metafora generale, di ciò che è successo all’intero Paese negli ultimi trent’anni – e i cui effetti ‘reali’ si sentono soprattutto adesso, con violenza e drammaticità.
Il “buco nero” è il pozzo oscuro e profondo in cui l’Italia e gli italiani sono precipitati, e da cui occorre adesso risalire. Questa risalita comincia da L’Aquila, e può cominciare solamente da L’Aquila.

Christian Caliandro

L’Aquila // fino al 31 dicembre 2011
Re Place 2011
SEDI VARIE
www.re-place.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).