“D’après Gigi”, a Roma il murale dello street artist Lucamaleonte dedicato a Gigi Proietti

Il murale, che ritrae il grande artista romano recentemente scomparso, è stato realizzato sulla facciata della palazzina in cui Proietti ha trascorso l’infanzia

Lucamaleonte, D'après Gigi - ph. Giorgio Benni (dettaglio)
Lucamaleonte, D'après Gigi - ph. Giorgio Benni (dettaglio)

Il mondo della street art continua a omaggiare il grande Gigi Proietti, il poliedrico attore scomparso lo scorso 2 novembre a Roma, nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Dopo il ritratto realizzato da Maupal – nome d’arte di Mauro Pallotta – sulla serranda dell’edificio che ospita il Teatro Brancaccio, è adesso la volta del murale che lo street artist Lucamaleonte ha realizzato sulla facciata di una palazzina dell’ATER, nel cuore del Tufello a Roma, in via Tonale 6, abitazione in cui Proietti ha trascorso la sua infanzia: qui l’artista è ritratto sorridente, con la sua tipica espressione sardonica, e indossa un cappello e una camicia con dettagli in giallo e rosso, ovvero i colori della sua squadra del cuore, la Roma. D’après Gigi, è questo il titolo dell’opera, è un progetto promosso da Fondazione Pastificio Cerere a cura di Marcello Smarrelli (direttore artistico della Fondazione), realizzato in collaborazione con Regione Lazio, ATER, AS Roma, Fondazione Roma Cares.

Lucamaleonte, D'après Gigi - ph. Giorgio Benni
Lucamaleonte, D’après Gigi – ph. Giorgio Benni

GIGI PROIETTI E L’OMAGGIO DELLA STREET ART

A voler omaggiare il compianto attore romano sono stati i “vicini di casa” di Proietti, che hanno chiesto al direttore generale di ATER Andrea Napoletano di rendere possibile la loro volontà, trasformando così il loro quartiere in un piccolo museo a cielo aperto. “Lo straordinario risultato ottenuto conferma come la street art sia un potente strumento di diffusione e promozione della cultura contemporanea, grazie al suo linguaggio immediato che riesce a comunicare in maniera diretta e trasversale, raggiungendo con efficacia pubblici diversi ed eterogenei”, spiega Marcello Smarrelli. “Tali azioni artistiche, come qualsiasi intervento rivolto allo spazio pubblico, devono necessariamente basarsi sul dialogo tra autori, cittadini, istituzioni, committenti pubblici e privati, per raggiungere l’obiettivo di promuovere uno spirito di condivisione e partecipazione, come è avvenuto in questa occasione”.

IL MURALE DI GIGI PROIETTI REALIZZATO DA LUCAMALEONTE

“Ringrazio la Fondazione Pastificio Cerere di avermi invitato a realizzare questo lavoro dedicato a Gigi Proietti che è stato accolto con grande affetto da tutti gli abitanti del quartiere e da tuta la città”, spiega Lucamaleonte, “un’ulteriore testimonianza di come questi interventi nello spazio pubblico possano rappresentare importanti momenti di aggregazione e di condivisione”. Ecco le immagini…

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.