L’ultima provocazione di Blu? Una Venere di Milo e un David su un’ex questura di Roma

Fa discutere l’ultimo murale di Blu, considerato uno dei più influenti street artist del mondo, che ha deciso di dipingere la facciata dell’ex questura del Quarticciolo con due murales speculari che condannano l’ossessione consumistica della società contemporanea. A partire proprio dalla storia dell’arte…

Blu Venere David Quarticciolo Roma murale street art foto di Stefano Antonelli
Blu Venere David Quarticciolo Roma murale street art foto di Stefano Antonelli

Alle provocazioni ci ha abituato da tempo. Blu, inserito ai primissimi posti da Artnet nella classifica dei più influenti street artist del mondo, torna a far parlare di sé. Stavolta non per i murales cancellati, come a Berlino o a Bologna in segno di protesta contro l’idea della musealizzazione dell’opera o le presunte speculazioni edilizie, ma per un grande murale che sta realizzando da circa tre mesi sulla facciata dell’ex questura del Quarticciolo, nella zona Roma est. L’opera sarà conclusa presumibilmente ad ottobre, ma, neanche a dirlo, ha già scatenato polemiche.

IL MURALE INCRIMINATO

Un’opera imponente, in bianco e nero (almeno per il momento), che rappresenta due icone della storia dell’arte: da un lato una Venere di Milo, raffigurata come un’odierna fashion victim, griffatissima con tanto di barboncino a seguito; dall’altro il David di Michelangelo, palesemente più grasso, con un vistoso orologio d’oro al polso e una croce al petto, impegnato a scattarsi un selfie. L’opera ricopre interamente la facciata del palazzo di sei piani dell’ex questura del Quarticciolo, occupato abusivamente da circa vent’anni da una trentina di famiglie. Pur essendo palese la forte critica nei confronti della società, presa da una foga consumistica che rischia di inglobare tutto e di distruggere ogni forma di relazione umana, molti hanno trovato oltraggioso l’utilizzo di due figure così importanti della storia dell’arte.

Cancellati a Bologna i murali di Blu (foto Giovanni Barbera)

I PRECEDENTI

Sia che scelga di disegnare sia che scelga di distruggere i vecchi lavori, al centro della ricerca di Blu c’è sempre una critica nei confronti della società che mercifica qualsiasi cosa. A partire proprio dall’arte. Una forma di protesta che Blu porta avanti da molti anni. Basta pensare all’episodio avvenuto nel 2016 a Bologna. In occasione di una mostra di street art, alcuni suoi lavori vennero “strappati” dai muri per essere esposti in una mostra. Decisione non condivisa da Blu che, in segno di protesta, ha scelto di cancellare tutti i suoi murales in città. Una scelta controversa che è stata anche aspramente criticata da intellettuali ed artisti che hanno accusato Blu di aver distrutto un patrimonio collettivo considerato ormai parte integrante della città. Prima di Bologna, un episodio simile si è verificato a Berlino con l’artista che ha cancellato, in segno di protesta contro la gentrificazione in atto nella capitale tedesca da diversi anni, Brothers e Chain, due enormi murales a Kreuzberg, realizzati da Blu che dal 2008. È a Roma, però, che l’artista ha realizzato le opere più imponenti della sua carriera, forse anche grazie al supporto delle tantissime occupazioni a scopo abitativo e non solo presenti nella capitale. In particolare il grande murale sulle pareti esterne dell’ex caserma occupata in via del Porto Fluviale, nell’Ostiense district il primo quartiere romano di street art.

–       Mariacristina Ferraioli

Dati correlati
Autore Blu
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia e Icon Design. Sta conseguendo un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano ed è docente a contratto presso diverse istituzioni tra cui l’Accademia di Belle Arti di Brera.

2 COMMENTS

Comments are closed.