L’eutanasia artistica di Blu. Il celebre street artist italiano cancella i suoi due più importanti murales berlinesi: “con gli investimenti edilizi a Kreuzberg sarebbero comunque stati distrutti”

Una colata di vernica nera, laddove c’erano Brothers e Chain. Ovvero due enormi murales del celebre street artist italiano Blu che dal 2008 presidiavano Cuvrystraße, a Kreuzberg, non distante dalla Sprea, fra gli angoli più familiari a quell’ambiente creativo underground che a Berlino sta progressivamente divenendo solo un ricordo. Vandalismo? Censura a scoppio ritardato? No, […]

Un momento della cancellazione dei murales

Una colata di vernica nera, laddove c’erano Brothers e Chain. Ovvero due enormi murales del celebre street artist italiano Blu che dal 2008 presidiavano Cuvrystraße, a Kreuzberg, non distante dalla Sprea, fra gli angoli più familiari a quell’ambiente creativo underground che a Berlino sta progressivamente divenendo solo un ricordo. Vandalismo? Censura a scoppio ritardato? No, infatti a cancellare le due famose opere è stato nella notte tra l’11 e il 12 dicembre lo stesso artista, aiutato da alcuni collaboratori. “Abbiamo percepito che fosse il momento di cancellare entrambi i murales, visti i cambiamenti vissuti dall’area circostante”, ha dichiarato Blu ai giornalisti. Il riferimento è all’inarrestabile processo di gentrificazione in atto nella capitale tedesca da diversi anni: e qualcuno ha appunto parlato di “eutanasia artistica”, che è servita solo a dare dignità ad una distruzione che pare fosse già prevista dai piani di sviluppo edilizio dell’area…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Pierluigi

    Il gesto di Blu fa bene alla Street Art!

  • Non cancellate i murales