Lia Pasqualino al Museo di Capodimonte a Napoli: 100 ritratti tra reportage e scatti di scena

In mostra a Capodimonte oltre 30 anni di attività della fotografa palermitana, allieva di Letizia Battaglia e nipote della pittrice Lia Pasqualino Noto, figura di riferimento per la cultura nella Sicilia del ‘900.

Lia Pasqualino, Andrea Camilleri, Siracusa, 2018
Lia Pasqualino, Andrea Camilleri, Siracusa, 2018

Non ho nessuna predisposizione a fare teoria sul lavoro che faccio. Fotografo artisti, scrittori, registi, fotografi, fotografe, attori, attrici perché fanno parte del mondo in cui vivo, sono gli amici con i quali condivido viaggi, film, cene, o altre occasioni di vita. A posteriori posso dire che ho sempre cercato di fotografare persone che non si lasciano afferrare del tutto, e che cercano di proteggere una parte di sé. Fotografarle è un modo per dare evidenza a questo qualcosa, lasciando una traccia del loro mistero”. Con queste parole Lia Pasqualino introduce la sua mostra di ritratti di registi, attori, scrittori, artisti, musicisti, ma anche gente comune, immagini che raccontano brani di intensa quotidianità, al Museo di Capodimonte a Napoli. Nipote della pittrice Lia Pasqualino Noto – figura di riferimento a Palermo con la sua galleria per gran parte del Novecento, sodale di Guttuso e del gruppo dei Quattro – la fotografa, anche lei palermitana doc, oggi vive infatti a Roma con il marito regista Roberto Andò, dove è inevitabile per lei frequentare il mondo del cinema. In questa antologica curata da Giovanna Calvenzi, che si apre il 13 giugno per protrarsi fino all’11 luglio all’interno del programma di Campania Teatro Festival, scorrono le fasi salienti di una ricerca continua, dalla metà degli anni ‘80 a oggi, che va dal reportage agli scatti di scena, quando la lezione di Letizia Battaglia la consacra definitivamente alla fotografia.

Lia Pasqualino, Generazioni, Parco della Favorita, Palermo, 1987
Lia Pasqualino, Generazioni, Parco della Favorita, Palermo, 1987

CHI È LIA PASQUALINO

Nata a Palermo in una famiglia di artisti e intellettuali, dal 1986 si dedica alla fotografia, dopo aver seguito un corso della grande fotografa Letizia Battaglia che così ricorda quel periodo per le strade del capoluogo siciliano: ” Un bel po’ di gente pazza per la fotografia si lanciava sui ragazzini dei quartieri del centro storico e su chiunque si mostrasse favorevole ad essere oggetto dell’arrembaggio, lei stava un po’ in disparte da sola a cercarsi un angolino tutto suo da raccontare. La sua presenza era così discreta che qualche volta temevo si isolasse troppo. Avevo paura che potessero scipparle le macchine. Lia ha continuato a fotografare. Paesaggi, uno notturno del monte Pellegrino di Palermo, molto interessante, luoghi di silenzio. Un giorno ho visto le sue foto. Anzi, ho visto prima i provini e poi le foto. E le ho domandato: che ne farai di queste foto? Lei ha risposto che non lo sapeva e io le ho detto che mi sarebbe piaciuto vederle in un libro”. Ecco le immagini della mostra.

– Claudia Giraud

Eventi d'arte in corso a Napoli

Evento correlato
Nome eventoLia Pasqualino - Il tempo dell'attesa
Vernissage13/06/2021
Duratadal 13/06/2021 al 11/07/2021
AutoreLia Pasqualino
CuratoreGiovanna Calvenzi
Generifotografia, personale
Spazio espositivoMUSEO DI CAPODIMONTE
IndirizzoVia Di Miano 2 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).