Lois Hechenblaikner al Lac, con i suoi scatti sul turismo di massa, e Shunk e Kender a Palazzo Reali, con le loro storiche immagini che colgono dall’interno l’epoca d’oro dell’arte sperimentale. Il Masi riapre con due mostre in due sedi.

Dopo la chiusura per emergenza sanitaria, il Lac riapre con una mostra del fotografo Lois Hechenblaikner (Reith im Alpbachtal, 1958).  Il fulcro dell’esposizione sono i suoi scatti realizzati a Ischgl, stazione invernale del Tirolo meta di uno sfrenato turismo di massa e negli scorsi mesi focolaio del Covid-19.
Proiettate sulle pareti in due sale, le immagini raffigurano scene kitsch con un’estetica che associa libertà espressiva ed eleganza formale. L’accostamento a due a due delle fotografie dà vita ad associazioni automatiche, oppure spiazza con immagini simili ma dalla prospettiva leggermente diversa. Il risultato è straniante, ironico eppure serio.
Diversamente da un artista come Martin Parr, che esplora temi simili, Hechenblaikner introduce una maggiore distanza rispetto a ciò che si osserva. Ma senza adottare uno sguardo moralizzatore, esprimendo una critica evidente eppure lasciando a chi guarda la scelta tra disgusto, divertimento, mera osservazione estetica degli scatti.

HARRY SHUNK E JÁNOS KENDER

Nell’altra sede del Masi, Palazzo Reali, ha riaperto invece un’esposizione da non mancare, valorizzata anche da un ottimo allestimento. Vi si scoprono i fotografi Harry Shunk (Reudnitz, 1924 ‒ New York, 2006) e János Kender (Naja, 1937 ‒ West Palm Beach, 2009), coppia nell’arte e nella vita che operò da insider nel mondo dell’arte sperimentale delle Neoavanguardie.
Prima a Parigi poi a New York, niente sfugge al loro obiettivo, che introduce nella raffigurazione della vita d’artista una naturalezza inconsueta per l’epoca. Nella sezione Intimità, ad esempio, si vive il connubio artistico e sentimentale tra Jean Tinguely e Niki de Saint Phalle. In Il corpo in azione ci sono i cortei-performance di Yayoi Kusama e il celebre Salto nel vuoto di Yves Klein ‒ uno dei meriti della mostra è far scoprire che diversi scatti arcinoti sono opera proprio di Shunk e Kender.

Shunk Kender, Yves Klein, Salto nel vuoto, 19 ottobre 1960 (fotomontaggio). Photo Shunk Kender © J. Paul Getty Trust
Shunk Kender, Yves Klein, Salto nel vuoto, 19 ottobre 1960 (fotomontaggio). Photo Shunk Kender © J. Paul Getty Trust

OLTRE IL MUSEO

Le foto sulla realizzazione dei Tirs di Niki de Saint Phalle sono un altro documento importante: si capisce il tono severo e solenne, quasi da plotone di esecuzione, del gesto di sparare sul quadro per liberare il colore.
La sezione Nuovi spazi, infine, illustra alla perfezione le formule rivoluzionarie ricercate dagli artisti dell’epoca, con l’opera che esce definitivamente dai confini del museo: le scorribande urbane degli Affichistes, il decimo anniversario del Nouveau réalisme che “mette a ferro e fuoco” piazza Duomo a Milano, Andy Warhol con i suoi sodali della Factory all’Hôtel Royale Bison di Parigi nel 1965… E la storica iniziativa del Pier 18, molo in disuso a Manhattan. Ventisette artisti predisposero istruzioni più o meno precise per la realizzazione della loro opera e per la ripresa fotografica. Quest’ultima fu opera proprio di Shunk e Kender, che dimostrarono definitivamente la dimensione artisticamente autonoma della loro fotografia.

Stefano Castelli

Evento correlato
Nome eventoLois Hechenblaikner - Ischgl and more
Vernissage25/06/2020 no
Duratadal 25/06/2020 al 06/09/2020
AutoreLois Hechenblaikner
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMASI LUGANO LAC
IndirizzoPiazza Bernardino Luini, 6 CH - 6900 - Lugano
Evento correlato
Nome eventoShunk–Kender - L’arte attraverso l’obiettivo (1957-1983)
Vernissage12/05/2020 NO
Duratadal 12/05/2020 al 20/09/2020
Autore Shunk–Kender
CuratoriJulie Jones, Stéphanie Rivoire, Chloé Goualc’h
Generifotografia, personale
Spazio espositivoMASI LUGANO PALAZZO REALI
IndirizzoVia Canova 10 - Lugano - Ticino
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Stefano Castelli
Stefano Castelli (nato a Milano nel 1979, dove vive e lavora) è critico d'arte, curatore indipendente e giornalista. Laureato in Scienze politiche con una tesi su Andy Warhol, adotta nei confronti dell'arte un approccio antiformalista che coniuga estetica ed etica. Nel 2007 ha vinto il concorso per giovani critici indetto dal Castello di Rivoli. Pubblica regolarmente i suoi articoli dal 2007 su Arte, dal 2011 su Artribune e dal 2018 su IL-mensile de Il Sole 24 ore. Collabora anche con Antiquariato. Dal 2004 a oggi ha curato numerose mostre in spazi privati e pubblici, di artisti affermati ed emergenti. Dal 2016 è nel comitato curatoriale del Premio arti visive San Fedele. Nel 2020 ha pubblicato il saggio "Radicale e radicante – Sul pensiero di Nicolas Bourriaud" (Postmediabooks) e tradotto il saggio "Inclusioni" di Nicolas Bourriaud (Postmediabooks).