Muore a 84 anni Bob Krieger, fotografo di moda e ritrattista tra i più influenti al mondo

Il fotografo noto per i suoi ritratti a Gianni Agnelli e Giorgio Armani è scomparso per cause ancora da accertare a Santo Domingo, dove due mesi si era recato in vacanza per poi prolungare il proprio soggiorno a causa dello scoppio della pandemia

KRGR. Bob Krieger - Ricordi tra fotografia e arte - veduta della mostra presso Palazzo Reale, Milano 2011  
KRGR. Bob Krieger - Ricordi tra fotografia e arte - veduta della mostra presso Palazzo Reale, Milano 2011  

È morto a 84 anni Bob Krieger, tra i più grandi fotografi del ventesimo secolo e considerato tra i più influenti ritrattisti al mondo. Krieger è scomparso a Santo Domingo, dove due mesi fa si era recato in vacanza ospite di amici, costretto poi a prolungare il soggiorno a causa delle restrizioni imposte dal lockdown da Coronavirus. Le cause del decesso sono in corso di accertamento. Il fotografo è celebre per i suoi scatti ai personaggi italiani più noti a livello internazionale, provenienti dal mondo dell’imprenditoria, della moda, dello spettacolo, della cultura e dello sport. Tra tutti, sono diventati iconici i ritratti a Gianni Agnelli e Giorgio Armani.

BOB KRIEGER, IL FOTOGRAFO DEL JET SET

Nato ad Alessandria d’Egitto nel 1936 da padre prussiano e madre siciliana, Krieger ha trascorso la vita all’insegna dell’arte: sua madre era pronipote del pittore Giuseppe Cammarano, i cui affreschi si trovano alla Reggia di Caserta e al Teatro San Carlo di Napoli, e durante l’infanzia Krieger ebbe come istitutrice Iolanda Margherita di Savoia, figlia di Vittorio Emanuele III di Savoia, dal 1946 in esilio proprio ad Alessandria d’Egitto. Nel 1967 Krieger si trasferisce a Milano, dove inizia la sua carriera di fotografo. Si afferma nell’ambito della moda, collaborando con le maison più importanti al mondo, tra cui Armani, Valentino e Versace. La cifra stilistica di Krieger si rivela soprattutto nella ritrattistica, con scatti che immortalano i soggetti in maniera spesso non convenzionale, svelandone così carattere e temperamento. Nel corso della sua carriera, Krieger ha fotografato modelle, attori, imprenditori, creativi, politici, tra cui Linda Evangelista, Veruschka, Lucia Bosè, Gianni Agnelli, Marco Tronchetti Provera, Giulio Andreotti, Carlo Azeglio Ciampi, Silvio Berlusconi, Romano Prodi, Walter Veltroni, Roberto Formigoni, Giorgio Armani, Dolce e Gabbana e Gianni Versace.

LA MOSTRA DI BOB KRIEGER A MILANO

Nel 2011, Palazzo Reale a Milano ha ospitato una retrospettiva dedicata a Bob Krieger, intitolata KRGR. Bob Krieger – Ricordi tra fotografia e arte, raccogliendo in centinaia di scatti oltre 40 anni di carriera del fotografo. Suddivisa in sezioni, la mostra presentava fotografie di moda, ritratti, nudi e fotocomposizioni, e – come raccontava Ginevra Bria in questo articolo – “composizioni materiche dai dettagli coreografici: foto resinate, chiavi senza lettura e leziosi calembour iconografici che Krieger intervalla tra un riquadro e l’altro. Ogni sezione, infatti, è immaginata come un atelier astratto, un boudoir espressivo, all’interno del quale il fotografo si concede sperimenti decorativi, sofisticati angoli lettura, lucide dormeuse, arazzi vellutati, teche di cristallo e persino ventilatori perlescenti”.

– Desirée Maida

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.