Dalla provincia di Salerno a Roma, una mostra sottolinea l’importanza dell’archivio, anche digitale, per la fotografia.

Quando si dice nome omen. Nel nome il presagio. Archivio Bellosguardo. Fotografie di famiglia e produzione contemporanea è infatti il titolo della mostra fotografica che ha inaugurato l’8 novembre nella ex Chiesa delle Zitelle, il nuovo spazio espositivo dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) che si mostra al pubblico con una nuova veste allestitiva, e dove si potrà visitare fino al 24 gennaio 2020.
Tutto nasce dal progetto pilota Archivio Bellosguardo, ideato dal fotografo Alessandro Imbriaco con la collaborazione scientifica dell’ICCD, il patrocinio del Comune di Bellosguardo e il coordinamento dell’Associazione locale Rehub Alburni: l’obiettivo è quello di realizzare un archivio fotografico del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, dal 1998 Patrimonio dell’UNESCO e secondo parco nazionale italiano con un territorio che dalla costa tirrenica tocca l’Appennino campano-lucano.
È un progetto fatto con le fotografie: quelle delle famiglie di Bellosguardo, un piccolo paese di 800 abitanti nella Provincia di Salerno, i cui abitanti hanno raccolto e consegnato ai curatori, e quelle di cinque autori che hanno raccontato il luogo attraverso il loro sguardo. Prima della mostra finale le fotografie sono state raccolte, archiviate, ordinate, e digitalizzate attraverso un’attività di formazione realizzata con il sostegno dell’ICCD, che ha fornito indicazioni teoriche e sul metodo di gestione del materiale. Altri gruppi di lavoro stanno attuando nei diversi Comuni del territorio ciò che è stato fatto a Bellosguardo. L’Archivio sarà in un primo momento di natura solo digitale, ma l’obiettivo a lungo termine è di individuare una sede fisica nella quale conservare i materiali, coordinare le varie attività e creare opportunità di lavoro.

Produzione contemporanea. Valerio Morreale. Courtesy ICCD Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Roma
Produzione contemporanea. Valerio Morreale. Courtesy ICCD Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Roma

L’IMPORTANZA DELL’ARCHIVIO

Questo singolare progetto parte dall’archivio, ponendo all’attenzione temi sempre attuali per la Fotografia, intesa con la f maiuscola, e per le fotografie, intese come singoli oggetti dotati di una propria materialità, di contenuto, e di un valore d’uso. Esistono molte collezioni e raccolte, ma pochi archivi. Un archivio non è tale se non è ordinato, perché è nell’ordinamento che il singolo documento trova la sua pienezza, il suo valore d’uso. La questione è molto importante nell’analizzare il passaggio dall’immagine al documento visivo. La fotografia oggi soffre di un approccio che si basa soprattutto su criteri formali, piuttosto discutibili in ragione dell’inevitabile mutare del gusto, e che ne trascurano un aspetto rilevante, cioè la fruizione. La descrizione di una fotografia, l’identificazione del suo autore, l’analisi della materia e della tecnica, la sua datazione, pur non dando a essa la compiutezza di fonte, sono tuttavia indispensabili per consentirne il passaggio a documento. Ci trova d’accordo Adolfo Mignemi quando afferma che la produzione di un’immagine da parte del fotografo è una realtà documentale, a cui si dà una materialità propria autonoma che, a sua volta, è al centro della problematica relativa al suo uso. Ma qui tocchiamo altri tasti che necessitano altri spazi. Invece l’ultima questione che vorremmo toccare è quella della digitalizzazione delle immagini storiche, parte integrante di questo progetto, e l’uso della conoscenza della rete internet per la loro conoscenza. Una pratica in linea con i tempi, come è giusto che sia, per la messa in sicurezza delle immagini, attraverso repertori e inventari, e per la loro consultazione di prima necessità attraverso la rete. Purché non si renda superflua la consultazione dell’archivio. Gli studiosi lo sanno bene, così come i curatori di questa iniziativa. Da qui infatti l’esigenza di una sede fisica per le fotografie. Lo scrivevano già nel 1898 i direttori degli archivi di Utrecht, Groninga e Middelburg in un manuale ancora oggi punto di riferimento per l’archivistica: “Non c’è bisogno che un inventario faccia conoscere tutto ciò che un archivio contiene sopra un dato argomento o una data persona. […] La guida dell’archivio non deve mirare a rendere superflua la consultazione dell’archivio stesso”.

Produzione contemporanea. Mattia Pannunzio. Courtesy ICCD Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Roma
Produzione contemporanea. Mattia Pannunzio. Courtesy ICCD Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Roma

LA MOSTRA A ROMA

L’esito finale del progetto pilota è la mostra romana, divisa in due sezioni: Fotografie di famiglia, a cura di Benedetta Cestelli Guidi con Martina Alessandrini, che propone una selezione degli originali messi a disposizione dai cittadini, affiancata da una videoproiezione a opera di Alessandro Imbriaco, e la sezione Produzione contemporanea, a cura di Francesca Fabiani, che restituisce il risultato delle campagne fotografiche condotte sul territorio da cinque fotografi emergenti ospitati in residenza: Alessandro Coco, Valerio Morreale, Nunzia Pallante, Mattia Pannunzio e Sarah Wiedmann.
L’allestimento delle fotografie delle famiglie di Bellosguardo, raggruppate per temi facilmente individuabili, ossia ritratti, ambiente urbano, paesaggio, consentono di delineare biografie, di ‘disegnare’ alberi genealogici ma anche di mostrare processi storico-culturali collettivi: dal fenomeno dell’emigrazione degli anni passati al progressivo spopolamento attuale, a cui fa da contraltare la presenza del turismo nei soli mesi estivi. Sottraendo le fotografie delle famiglie alla dispersione e all’oblio, si è riconosciuta loro la valenza storica e documentaristica all’interno di una zona oggetto di notevoli cambiamenti, mentre lo sguardo sul territorio dei cinque giovani fotografi invitati ha offerto punti di vista inediti attraverso un linguaggio fotografico aggiornato, attivando nuovi itinerari visivi, frutto dell’incontro ‘libero’ tra autore e contesto. Una selezione di queste immagini entrerà a far parte delle collezioni di fotografia contemporanea dell’ICCD.

Paola Di Giammaria

Evento correlato
Nome eventoArchivio Bellosguardo
Vernissage08/11/2019 ore 17
Duratadal 08/11/2019 al 31/01/2020
CuratoreAlessandro Imbriaco
Generefotografia
Spazio espositivoICCD - ISTITUTO CENTRALE PER IL CATALOGO E LA DOCUMENTAZIONE MIBAC
IndirizzoVia di San Michele, 18 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Paola Di Giammaria
Paola Di Giammaria è una storica dell’arte, curatrice, responsabile della Fototeca dei Musei Vaticani, dove si occupa di conservazione, catalogazione e studio della raccolta fotografica storica istituzionale, a partire dalle lastre di vetro della seconda metà dell’Ottocento fino alle prime pellicole di fine Anni Trenta del Novecento. Dopo la maturità linguistica si è laureata in Lettere con indirizzo Storia dell’Arte, sotto la guida di Maurizio Calvesi, presso la Sapienza, Università di Roma, dove ha proseguito gli studi, conseguendo il diploma della Specializzazione in “Storia dell’Arte Medievale, Moderna e Contemporanea” e il Dottorato di Ricerca in “Strumenti e Metodi per la Storia dell’Arte”. Le sue numerose pubblicazioni, tra libri, contributi in volumi e cataloghi di mostre, ne riflettono i principali ambiti di ricerca; l’arte romana tra Cinquecento e Seicento, la storia della fotografia, soprattutto in relazione alle collezioni vaticane. Nel 2016 ha curato la giornata di studi svoltasi ai Musei Vaticani dal titolo "Tradurre il Michelangelo della Sistina: dall’immagine fissa all’immagine in movimento", in collaborazione con IULM, Rai e Istituto Centrale per la Grafica. Da sempre si occupa di arte contemporanea: ha curato mostre di artisti, collaborando con gallerie private, istituzioni culturali italiane e straniere, fra cui la Fondazione Franz Ludwig Catel, per la quale ha curato in più occasioni il Premio Catel, rivolto a giovani artisti provenienti dalle accademie di belle arti. È stata Visiting Professor alla John Carroll University (Cleveland, USA). Dal 2018 è docente del corso Art Market nel Master in Management delle risorse artistiche e culturali della IULM. È giornalista pubblicista, occupandosi dei suoi ambiti di ricerca e interesse.