PhotoWeek 2018, Comune di Milano lancia la call per partecipare alla settimana della fotografia

Fino al 30 aprile è possibile candidare i propri progetti per partecipare alla Milano PhotoWeek, manifestazione giunta alla sua seconda edizione dedicata alla fotografia. La call è rivolta ad artisti e istituzioni che vogliono entrare a fare parte della programmazione della kermesse

Robert Doisneau, Le baiser @ Atelier Robert Doisneau
Robert Doisneau, Le baiser @ Atelier Robert Doisneau

Dopo il successo della prima edizione con oltre 150 eventi, 100 istituzioni coinvolte e più di 10mila visitatori, ritorna anche quest’anno Milano PhotoWeek, manifestazione che nell’arco di una settimana offe una ricca programmazione di mostre, incontri, visite guidate, laboratori, progetti editoriali e proiezioni urbane interamente dedicati alla fotografia. Per l’edizione 2018, che si svolgerà dal 4 al 10 giugno, il Comune di Milano ha lanciato una call indirizzata a tutti coloro che vogliono partecipare alla kermesse con progetti, mostre o eventi legati al tema della fotografia.

LA MILANO DELLA FOTOGRAFIA DA SCOPRIRE

Mission della Milano PhotoWeek è avvicinare il grande pubblico al mondo della fotografia, attraverso un’offerta di eventi che offra ai cittadini l’opportunità di conoscere, approfondire e sperimentare questo linguaggio artistico: dai grandi scatti d’autore ai reportage di guerra, dalle immagini di moda e di architettura che hanno reso celebre Milano nel mondo alla fotografia come linguaggio dell’arte contemporanea. La maniferstazione, inoltre, offre un’importante opportunità alle istituzioni e i protagonisti del mondo della fotografia milanese di avere visibilità e valorizzare la propria attività nel settore.

COME PARTECIPARE

Per partecipare alla call indetta dal Comune di Milano c’è tempo fino al prossimo 30 aprile. “Istituzioni e musei, gallerie, case editrici, fotografi, artisti, collezionisti, scuole, agenzie, archivi e associazioni, sono tutti invitati a partecipare in quanto promotori di idee e protagonisti riconosciuti del mondo culturale della nostra città”, si legge nella lettera-invito dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno. “La vocazione della PhotoWeek è caratterizzata da un approccio inclusivo e diffuso, che vuole accogliere tutte le tipologie di offerta e proposta culturale come mostre, conferenze, workshop, produzione e progetti fruibili in varie forme, dall’analogico al digitale senza esclusione di sperimentazioni”. Anche per questa seconda edizione, il Comune di Milano – in collaborazione con ArtsFor_ – si occuperà del coordinamento generale e della campagna di comunicazione della manifestazione. Per candidare il proprio progetto, è necessario compilare e inviare a [email protected] l’apposito modulo che potrete scaricare qui.

– Desirée Maida

www.photoweekmilano.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.