Un diario delle emozioni. Le fotografie di Pietro Pasolini a Roma

Galleria Valentina Bonomo, Roma – fino al 30 gennaio 2018. La mostra “UnStill life” conduce in un mondo enigmatico, estraneo nell’apparente familiarità. Dove l’assurdo prende il posto della razionalità.

Attraverso una combinazione di rullini analogici e sensori digitali che reagiscono ai raggi di luce infrarossa, normalmente invisibile all’occhio umano, Pietro Pasolini (Brasile, 1992) gioca con la percezione trasformando i luoghi conosciuti in scenari sorprendenti, inesplorati, quasi surreali. Gli scatti nascono in completa solitudine. “Disilluso dalla velocità della nostra routine quotidiana e dall’egocentrismo che si è diffuso nella nostra società, mi sono rifugiato nelle terre selvagge. Ho riacquistato il contatto con la natura e iniziato a osservare la vita sotto una luce diversa”, racconta. Le fotografie, chiamate da Pasolini “un diario delle emozioni”, svelano una realtà parallela, dove i colori sono solo un’invenzione della mente, che demolisce le certezze e gli schemi sociali. Una realtà in cui scopriamo la naturale incapacità di vedere l’intero spettro della luce. Questa limitazione, come afferma Pasolini, “finisce per modellare la nostra percezione del mondo”.

Anita Kwestorowska

Evento correlato
Nome eventoPietro Pasolini
Vernissage24/11/2017 ore 18
Duratadal 24/11/2017 al 30/01/2018
AutorePietro Pasolini
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoVALENTINA BONOMO ARTECONTEMPORANEA
IndirizzoVia Del Portico D'ottavia 13 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Anita Kwestorowska
Anita Kwestorowska, nata a Danzica, è giornalista dal 2007 iscritta nell’albo internazionale European Federation of Journalists IFJ a Bruxelles e dal 2005 nell’albo nazionale polacco SDP a Varsavia. Specializzata nei settori arte, moda e società, ha studiato filologia polacca presso l’Università Statale di Varsavia e storia dell’arte all’Università la Sapienza di Roma. In Polonia ha lavorato come annunciatrice nella televisione satellitare e come assistente al conduttore nella televisione nazionale polacca TVP. Ha fatto parte dell’ufficio stampa del Teatro dell’Opera di Varsavia. A Roma ha collaborato come corrispondente con le più importanti riviste d’arte in Polonia e ha gestito la rubrica culturale del mensile polacco in Italia “Nasz Swiat”. Attualmente scrive per il primo giornale polacco “Gazeta Wyborcza” e il mensile d’arte contemporanea “ARTeon”.

LEAVE A REPLY