Ernesto Che Guevara fotografato da Alberto Korda. A Bologna

ONO arte contemporanea, Bologna – fino al 23 aprile 2017. La Cuba della revolución rivive attraverso il racconto fotografico di Alberto Korda. Autore di uno degli scatti più iconici di sempre e di un reportage.

In pochi sanno che il più famoso simbolo di libertà e rivoluzione del XX secolo è stato immortalato da Alberto Korda (L’Avana, 1928 – Parigi, 2001). La fotografia con protagonista il volto di Che Guevara, nota come Guerrillero Heroico (1960), è caratterizzata da un’espressività che lo ha reso uno dei volti più potenti e iconici della Storia.
Cinquanta fotografie seguono l’ordine degli eventi accaduti a Cuba durante la rivoluzione e nel corso del governo di Fidel Castro. Un’epoca contraddistinta dalla presenza di personalità di spicco della letteratura, come Jean-Paul Sartre e la compagna Simone de Beauvoir, della politica e della moda magistralmente ritratte dal fotografo cubano con uno stile che ne mette in luce gli aspetti più privati. La mostra catapulta lo sguardo nella Cuba costruita da Castro e Guevara, trasmettendo quella sensazione di nostalgia verso una nazione che sta inevitabilmente cambiando a seguito della morte del Líder Máximo avvenuta pochi mesi fa.

Alexander Stefani

Evento correlato
Nome eventoAlberto Korda - Ernesto Che Guevara: Guerrillero Heroico
Vernissage02/03/2017 ore 18,30
Duratadal 02/03/2017 al 23/04/2017
AutoreAlberto Korda
Generifotografia, personale
Spazio espositivoONO ARTE CONTEMPORANEA
Indirizzovia Santa Margherita, 10 Bologna - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alexander Stefani
Nato a Bolzano nel 1990, ha conseguito la laurea triennale in Beni Culturali indirizzo storico artistico presso l'Ateneo di Lettere e Filosofia di Trento. Coltiva da sempre una dedizione per la storia dell'arte, in particolare dei secoli XIII, XIV, XVII e XX. Appassionato anche di storia, fotografia e musica, attualmente frequenta il corso di laurea magistrale in Arti Visive presso l’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. Il suo interesse nel mondo dell’arte è rivolto soprattutto alle avanguardie storiche del primo Novecento, alle correnti neoavanguardistiche a partire dagli Anni Sessanta a oggi, all’antiquariato e al collezionismo, al diritto dei beni e delle attività culturali nonché alla tutela e gestione del patrimonio storico artistico in Italia con uno sguardo rivolto anche ad altri paesi europei. Collabora con testate di settore come Artribune e il Giornale dell’Arte.