100 anni di Museum Folkwang di Essen. Da Renoir a Monet e Gauguin: una grande retrospettiva

Il Museum Folkwang di Essen compie 100 anni e dedica una grande retrospettiva al dialogo tra Occidente e Oriente sull’impressionismo, grazie alle collezioni del mecenate tedesco Osthaus e del giapponese Matsukata

Paul Gauguin, Cavaliers sur la plage (I), 1902 Museum Folkwang, Essen
Paul Gauguin, Cavaliers sur la plage (I), 1902 Museum Folkwang, Essen

In occasione del suo centenario, il Museum Folkwang di Essen presenta la sua collezione d’arte tardo impressionista fondata dal mecenate tedesco Karl Ernst Osthaus (1874–1921), originario della città di Hagen nella regione della Ruhr, in dialogo con la collezione dell’imprenditore marittimo giapponese Kōjirō Matsukata (1866–1950) nella grande retrospettiva dal titolo Renoir, Monet, Gauguin — Immagini di un mondo fluttuante, appena inaugurata in Germania per rimanere fino al 15 maggio 2022. Un fatto eccezionale perché, per la prima volta dagli anni ’50, la collezione giapponese dell’impressionismo del National Museum of Western Art di Tokyo sarà nuovamente esposta in modo completo in Europa. E, altro grande primato, la mostra riunisce, per la prima volta, importanti acquisizioni di Osthaus e Matsukata di grandi opere dell’Impressionismo, come Liza con ombrello di Pierre-Auguste Renoir ( Osthaus) e il Ritratto di Monsieur Brun (Matsukata) di Édouard Manet. In tutto si parla di circa 120 capolavori di Paul Cézanne, Paul Gauguin, Vincent van Gogh, Édouard Manet, Claude Monet, Pierre-Auguste Renoir e Auguste Rodin, in grado di rivelare come all’inizio del XX secolo l’arte francese moderna non fosse apprezzata solo dai collezionisti occidentali, ma abbia trovato largo seguito anche in Giappone. Ecco le immagini nella gallery fotografica.

– Claudia Giraud

RENOIR, MONET, GAUGUIN—Images of a Floating World. The Collections of Kojiro Matsukata and Karl Ernst Osthaus
Fino al 15 maggio 2022
Museum Folkwang, Museumsplatz 1, 45128 Essen
www.museum-folkwang.de

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).