Sergio Vacchi nella sua Bologna. A Palazzo Fava, oltre 100 opere del pittore visionario

A due anni dalla scomparsa all’età di 90 anni, Bologna presenta una grande mostra di oltre 100 opere del maestro dell’“ultimo naturalismo”, che spaziava dal cinema alla letteratura al fumetto

È stato fra i maggiori rappresentanti della via italiana all’Informale e dell’“ultimo naturalismo” teorizzato dal critico Francesco Arcangeli. Ora la sua Bologna, a due anni dalla scomparsa avvenuta nel 2016 all’età di 90 anni, gli dedica una grande esposizione. Inaugura il 28 settembre a Palazzo Fava Mondi Paralleli, il progetto che Fondazione Carisbo e Genus Bononiae. Musei nella Città rivolgono al pittore Sergio Vacchi (Castenaso, BO, 1925-Siena 2016), precursore di tante espressioni del contemporaneo, dal cinema di Fellini ai fumetti di Crepax. “La mostra di Palazzo Fava, che raccoglie opere dal 1948 al 2008, non vuole solo restituire alla memoria di Bologna la pittura di uno dei suoi protagonisti più osannati, oggi confinato in un preciso periodo storico”, spiega il curatore Marco Meneguzzo, “ma vuole proporne una rilettura in chiave non più padana o bolognese, ma internazionale, pensando al suo lavoro come al lavoro di un artista isolato ma di genio, capace di dialogare coi grandi pittori e gli intellettuali della sua epoca, cui non lesinava gli omaggi artistici”. Per farlo, la mostra propone oltre 100 opere, tra cui i famosi “ritratti” e “autoritratti” realizzati a partire dal 1965 – Samuel Beckett, Franz Kafka, Alberto Savinio, Francesco Arcangeli, Giuliano Briganti, Roberto Tassi, Otto Dix, Greta Garbo, Francis Bacon -, e i “grandi cicli”: incontri con i personaggi di tutte le epoche, in un’atmosfera al tempo stesso cupa e barocca. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud

Evento correlato
Nome eventoSergio Vacchi - Mondi Paralleli
Vernissage27/09/2018 su invito
Duratadal 27/09/2018 al 25/11/2018
AutoreSergio Vacchi
CuratoreMarco Meneguzzo
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoPALAZZO FAVA
IndirizzoVia Alessandro Manzoni 2 - Bologna - Emilia-Romagna
EditoreSKIRA
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).