Genova riscopre Pablo Picasso

Palazzo Ducale, Genova ‒ fino al 6 maggio 2018. Un’esposizione intima ripercorre la storia artistica del genio spagnolo attraverso i suoi dipinti più viscerali.

David Douglas Duncan, Pablo Picasso e Jacqueline Roque sistemano le tele il giorno delle firme nell’atelier di La Californie, Cannes, settembre 1960. Musée national Picasso-Paris, Dono David Douglas Duncan, 2014
David Douglas Duncan, Pablo Picasso e Jacqueline Roque sistemano le tele il giorno delle firme nell’atelier di La Californie, Cannes, settembre 1960. Musée national Picasso-Paris, Dono David Douglas Duncan, 2014

Cinquanta opere provenienti dal Musée National Picasso di Parigi si distribuiscono in dieci sezioni tematiche snocciolando cronologicamente l’intera produzione di Pablo Picasso (Malaga, 1881 – Mougins, 1973) in un percorso del tutto alternativo ai tradizionali canoni di visita. L’esposizione si inserisce all’interno del programma Picasso-Méditerranée, un’ambiziosissima manifestazione che, dal 2017 al 2019, si propone di infittire cicli culturali ed esposizioni per salvaguardare il patrimonio dell’artista in tutto il bacino del Mediterraneo.
La valorizzazione della sconfinata produzione picassiana, nelle incantevoli sale del palazzo genovese, si concentra, più che sull’estetica del risultato finito, sui luoghi e i riferimenti che hanno reso eterne tali opere.
Il corpus ruota intorno ai vari atelier dell’artista, ambienti magici e fucine di sperimentazione nei quali il Picasso-artista “accumula”, sposta, conserva e appende, tracciando una nuova natura di spazio, divisa tra la produzione e l’esposizione.
L’atelier diventa quindi metafora espressiva, custode di materiali dal quale attingere liberamente per le produzioni future, luogo di vita e ambiente del fare, in un via-vai di contaminazioni, artisti e modelle.
L’apice della creazione artistica passa, in tutta la produzione del maestro, nella complice dualità tra artista e modella, restituita magistralmente attraverso una variegata serie di stili, tecniche e ispirazioni.

Pablo Picasso, Paul dessinant, 1923. Musée National Picasso Paris, Parigi © Succession Picasso, by SIAE 2017
Pablo Picasso, Paul dessinant, 1923. Musée National Picasso Paris, Parigi © Succession Picasso, by SIAE 2017

LE OPERE

Gli autoritratti, uno del 1906 contrapposto a un altro del 1972, costellano gli atelier durante l’arco di tutta la vita del pittore iberico; sottolineano come la ricerca intrinseca del gesto creativo e dei tratti più intimi dei caratteri personali abbia accompagnato e profondamente tracciato ogni sfaccettatura della sua imponente carriera artistica.
Il Bateau-Lavoir a Montmartre, tra Cézanne, ispirazioni post-impressioniste e un occhio all’arte extraoccidentale alimentato dalla prima visita al museo etnografico del Trocadéro, diventa vero crogiolo per il concepimento di nuovi volti, occhi e pose, principali matrici cubiste delle sue celeberrime opere.
Il percorso di visita scorre delicato verso una coloratissima serie di Bagnanti, immaginario tanto caro a Picasso che restituisce la serie in composizioni più o meno astratte, tutte dotate di una grande dinamicità e forza espressiva. Il corpo centrale dell’esposizione sono le donne in tutte le loro declinazioni; ritratti, busti, teste adornate con cappelli, queste ultime motivo ricorrente dei grandi dipinti ottocenteschi.

Pablo Picasso, Autoportrait, autunno 1906. Musée National Picasso Paris, Parigi © Succession Picasso, by SIAE 2017
Pablo Picasso, Autoportrait, autunno 1906. Musée National Picasso Paris, Parigi © Succession Picasso, by SIAE 2017

UNA MOSTRA ATIPICA

Il tripudio di rimandi, oltre a coinvolgere giganti della storia dell’arte come Edouard Manet, raggiunge la sua summa nell’esplicazione degli atelier mediterranei. Intorno al 1948, da Vallauris a Cannes fino a Vauvenargues, il Sud della Francia diventa per Pablo Picasso una rinnovata fonte per sperimentare; la fotografia assume un ruolo di massimo spessore nell’attività artistica, mutano pose, stili, visioni, tutte bagnate dal calore della luce mediterranea.
Vedute, situazioni, paesaggi, nature e nature morte, un’esplorazione continua ed estremamente eterogenea chiudono un’esposizione atipica, nel ridondante panorama del programma espositivo su Picasso. Emergono proprio qui l’affezione dell’artista per alcuni stilemi e ispirazioni oltre che per il processo artistico generato dell’energia che ha saputo sprigionare l’unione della sua figura con i luoghi della vita vissuta.

Davide Merlo

Evento correlato
Nome eventoPicasso. Capolavori dal Museo Picasso Parigi
Vernissage10/11/2017
Duratadal 10/11/2017 al 06/05/2018
AutorePablo Picasso
Generearte moderna
Spazio espositivoPALAZZO DUCALE DI GENOVA
IndirizzoPiazza Giacomo Matteotti 9 - Genova - Liguria
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Davide Merlo
Bio: Davide Merlo nasce a Genova nel 1992, coltiva da sempre una grande passione per l'arte contemporanea, la filosofia e l'architettura. Laureato al Politecnico di Milano in disegno industriale e all'ISIA di Firenze in design per comunicazione visiva e multimediale, lavora come Digital Project Manager in uno studio creativo che si divide tra queste due città. Ha partecipato come artista ad una esposizione allo spazio milanese L'ALTALENA, scrive intorno all'arte per pagine come Objects. e cura contributi per il Museo del Design Toscano, primo museo di design online al mondo.