Il cartone come forma d’arte. La mostra di Paolo Masi a Milano

La galleria di Glenda Cinquegrana ospita la mostra di un artista che, nel corso di una lunghissima carriera, ha saputo trasformare il cartone in una materia viva, combinandolo alla pittura

Cartoni, la mostra di Paolo Masi (Firenze, 1933) allo spazio Glenda Cinquegrana Art Consulting, con un testo in catalogo di Denis Isaia, può essere vista come il frutto di un reiterato, cinquantennale omaggio al materiale che l’artista toscano ha sempre considerato il suo medium d’elezione.

Paolo Masi, Senza titolo, 2013, tecnica mista su cartone in scatola di plexiglas, cm 80 x 80 © Matteo Zarbo. Courtesy Glenda Cinquegrana Art Consulting
Paolo Masi, Senza titolo, 2013, tecnica mista su cartone in scatola di plexiglas, cm 80 x 80 © Matteo Zarbo. Courtesy Glenda Cinquegrana Art Consulting

LA STORIA E L’ARTE DI PAOLO MASI

Dopo l’esordio (quasi di prammatica per la sua generazione) sulle orme dell’Informale (di cui riterrà il senso materico), Masi procederà ad affinare la sua riflessione interagendo con la galassia di quelle ricerche d’impronta analitica che si accostavano alla pittura da un punto di vista dichiaratamente concettuale. Ma nei confronti di quel supporto che veniva normalmente concepito come un elemento anonimo e neutro, e che egli identifica appunto nel cartone, sviluppa quasi un sentimento di partecipazione affettiva, esaltandone il suo aspetto di materiale di recupero e cogliendo un’implicita metafora esistenziale nelle tracce di vissuto di volta in volta da esso recate: umile e reietto, dotato di uno spessore labile ma stratificato in molteplici epidermidi, questo supporto, con la sua fragile matericità, la sua carnale vulnerabilità, poteva indicare la strada maestra verso una pittura eseguita con mezzi non pittorici, fatta di granulosità, di ondulazioni superficiali, di slabbrature fibrose. Era il disvelamento di un’estetica tutta interiore e segreta che poteva essere assecondata e variata secondo l’estro o la riflessione del momento: impreziosita di arabeschi, incerata o ingessata, imbastita di refe o velata di placente traslucide, abrasa e strofinata, zigrinata e bucherellata… ma non soccorrerebbero verbi bastevoli per seguire tutte le alternative che Masi ha sperimentato in tutti questi anni per praticare il suo personale modus pingendi.

Paolo Masi. Cartoni _ Packing Cartons. Exhibition view at Glenda Cinquegrana Art Consulting, Milano 2022. Photo credits © Alessio Anastasi. Courtesy Glenda Cinquegrana Art Consulting
Paolo Masi. Cartoni _ Packing Cartons. Exhibition view at Glenda Cinquegrana Art Consulting, Milano 2022. Photo credits © Alessio Anastasi. Courtesy Glenda Cinquegrana Art Consulting

LA MOSTRA DI PAOLO MASI A MILANO

L’allestimento curato da Glenda Cinquegrana ha aggregato questa sessantina di opere, incastonate in astucci squadrati di plexiglas, in nuclei simmetrici nelle tre sale della galleria secondo un criterio di uniformità dimensionale, indipendentemente dal loro ordine cronologico, peraltro inavvertibile. Infatti, pur spaziando in un arco temporale di mezzo secolo, esse risultano inquadrate in un discorso omogeneo, di rara coerenza, come se ciascun elemento costituisse una pagina di un unico romanzo in progress: una storia dalle potenzialità inesauribili e riproposta in combinazioni sempre diverse, narrata secondo un costante taglio stilistico e con immutata freschezza inventiva.

Alberto Mugnaini

Eventi d'arte in corso a Milano

Evento correlato
Nome eventoPaolo Masi - Cartoni
Vernissage24/03/2022 ore 19
Duratadal 24/03/2022 al 21/05/2022
AutorePaolo Masi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGLENDA CINQUEGRANA ART CONSULTING
IndirizzoVia Settembrini, 17 I-20124 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mugnaini
Alberto Mugnaini, storico dell’arte e artista, si è laureato e ha conseguito il Dottorato di Ricerca all’Università di Pisa. Dal 1994 al 1999 ha vissuto a New York, dove è stato tra i fondatori del laboratorio di design “New York Works”. Nel 2006 ha dato vita al progetto “AlbertoAperto”, che prevede progetti di mostre e di interventi culturali all’interno del suo studio di Milano. È stato collaboratore di “La Nazione”, “Abitare”, “Flash Art”. Le sue pubblicazioni, oltre che l’arte contemporanea, hanno avuto per oggetto il Manierismo e i rapporti tra arte e scienza. I suoi lavori di design e scultura sono stati esposti nei principali musei milanesi quali il Bagatti Valsecchi, il Poldi Pezzoli e il Design Museum della Triennale.