Innocult Fest. Al MEET di Milano la rassegna di esperienze in realtà aumentata e arti digitali

Dall’8 al 10 aprile al via una rassegna di installazioni, performance e progetti di industrie creative e di operatori media spagnoli, italiani e portoghesi nel primo Centro Internazionale per l’Arte e la Cultura Digitale di Milano

MEET, il nuovo centro di cultura digitale a Milano
MEET, il nuovo centro di cultura digitale a Milano

Installazioni, performance e progetti che esplorano come l’industria creativa possa far propria l’innovazione digitale. È quello che si potrà vedere e sperimentare dal vivo nel corso della rassegna internazionale Innocult Fest, in programma dall’8 al 10 aprile presso MEET, il primo Centro Internazionale per l’Arte e la Cultura Digitale di Milano.

COS’È MEET: IL CENTRO DI CULTURA DIGITALE A MILANO

Nato con il supporto di Fondazione Cariplo, il centro vuole contribuire a colmare il divario digitale italiano nella convinzione che l’innovazione sia un fatto culturale, prima ancora che tecnologico. Oltre al ciclo di incontri Meet the Media Guru con i protagonisti dell’innovazione mondiale, MEET promuove programmi di interazione fra creativi digitali ed imprese, azioni e percorsi dedicati all’innovazione per la cultura, progetti espositivi ed allestimenti site-specific per istituzioni italiane ed internazionali. Uno spazio di 1500mq che Carlo Ratti Associati ha reinterpretato a partire dal concept del centro di cultura digitale lavorando sull’idea di fluidità, interconnessione e partecipazione. Lo spazio accoglie al suo interno anche la Cineteca di Milano, che firma un palinsesto autonomo di rassegne e proiezioni dedicate al cinema contemporaneo internazionale.

COS’È INNOCULT FEST: FESTIVAL DI ARTI DIGITALI

Ora MEET organizza questo festival di esperienze in realtà aumentata e arti digitali, insieme al centro per l’arte e la tecnologia spagnola ETOPIA e a INOVA+, agenzia per l’innovazione portoghese. Innocult Fest è l’ultima tappa del progetto europeo Innocult co-finanziato dalla Commissione Europea e rivolto alle Media and Content Industries, ovvero aziende e liberi professionisti di tv, cinema, radio, case discografiche e di produzione multimediale e new media, industria del videogioco, agenzie creative, imprese culturali, performing arts, favorendone l’incontro, la reciproca formazione e partecipazione a eventi internazionali. Proprio come l’Innocult Fest, dove una rete di industrie creative e di operatori presenteranno le proprie idee e le nuove traiettorie per il coinvolgimento del pubblico. I visitatori avranno, così, l’occasione di visionare i progetti dei partecipanti italiani, spagnoli e portoghesi e assistere a varie live performance. Per l’occasione, MEET organizzerà anche laboratori e talk sul tema XR.

https://www.meetcenter.it/it/event/innocult-fest-programma-completo/
https://www.eventbrite.it/e/registrazione

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).