Galleria Continua apre nella sede di Parigi un avamposto della Gelateria del Dondoli

La celebre gelateria di San Gimignano inaugura, all’interno della sede parigina di Galleria Continua, un avamposto all’insegna di gusti classici e ispirati agli artisti in mostra

Galleria del Dondoli nella sede parigina di Galleria Continua - foto Facebook Gelateria del Dondoli
Galleria del Dondoli nella sede parigina di Galleria Continua - foto Facebook Gelateria del Dondoli

È uno spazio in divenire e destinato ad assumere sempre nuove e mutevoli forme la sede di Parigi di Galleria Continua, inaugurata lo scorso anno nel Marais, all’angolo tra Rue du Temple e Rue Michel-le-Comte (a due passi dal Centre Pompidou), nei locali di un ex magazzino all’ingrosso di articoli in pelle. Concepito come spazio “ibrido” – oltre a essere galleria d’arte, è anche luogo d’incontro, caffè e persino supermarket – l’avamposto parigino di Galleria Continua, dopo gli ultimi lavori di ristrutturazione diretti da MBL architectes, dà vita a un nuovo capitolo della sua storia, con l’apertura al suo interno di un avamposto della famosa Gelateria del Dondoli, anch’essa originaria come Galleria Continua di San Gimignano.

GELATERIA DEL DONDOLI E GALLERIA CONTINUA A PARIGI

Guidata dal maestro gelatiere Sergio, Gelateria del Dondoli è citata tra le più prestigiose guide internazionali di settore: è nota per la creazione di gusti di gelato insoliti come la Crema di Santa Fina (crema allo zafferano e pinoli), lo Champelmo (pompelmo rosa e spumante), il Dolceamaro (crema alle erbe aromatiche), il Sorbetto di Vernaccia. Alla Galleria Continua di Parigi, sarà possibile provare i gusti pistacchio, cioccolato, zabaione al vinsanto e uno speciale gusto dedicato a Pascale Marthine Tayou, artista di cui è in corso fino all’1 giugno 2022 una personale dal titolo Bonnes Nouvelles.

GALLERIA CONTINUA A PARIGI: NON SOLO GALLERIA

Dopo i lavori di ristrutturazione, riaprono al pubblico anche il caffè in collaborazione con illy, il negozio di alimentari e la cantina con i vini della Tenuta Casenuove, il bookshop con cataloghi, libri d’arte contemporanea, fotografia, viaggi e per bambini, riviste e oggetti appositamente ideati e realizzati dagli artisti della galleria. Il supermarket, in particolare, è un’idea lanciata in occasione della mostra Truc à Faire, inaugurata con l’apertura della galleria e a cura di JR: nella visione dell’artista, lo spazio “a metà tra una cattedrale e un supermercato, è un luogo dove ci avviciniamo all’infinito e dove possiamo acquistare oggetti di consumo; vorrei che fosse uno spazio di discussione, incontri, sorprese, dove si compra un libro e si scopre che è firmato dall’autore, dove possiamo prendere un caffè italiano in un ambiente dinamico ambiente, dove ci immergiamo nelle opere che sono presenti”.

– Desirée Maida

https://www.galleriacontinua.com/
https://www.gelateriadondoli.com/index.html

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.