Torna Simposio a Borca di Cadore: 4 giorni nelle Dolomiti per immaginare il futuro

A luglio 2022 l’Ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in provincia di Belluno, torna a ospitare l’evento “Simposio”. Quattro giorni di incontri, workshop, performance e installazioni per stimolare una riflessione collettiva sul presente e immaginare il futuro…

Il Villaggio Eni a Borca di Cadore
Il Villaggio Eni a Borca di Cadore

“Il mondo è cambiato? Lo avevamo previsto. Vogliamo tornare alla normalità? Ma non ci piaceva nemmeno prima… L’apocalisse è arrivata? Sì, ma non è la fine del mondo: è una grande occasione di immaginazione collettiva!”. Inizia così la presentazione di Simposio 2022, un progetto culturale ideato dal collettivo artistico NONE (Gregorio De Luca Comandini, Mauro Pace e Saverio Villirillo) che giunge quest’anno alla sua terza edizione.
Dopo la tappa milanese dello scorso anno, l’evento torna per la seconda volta in mezzo alle montagne, a Borca di Cadore (BL), nel campeggio del Villaggio Eni, un complesso che si estende per oltre centomila metri quadrati ai piedi del Monte Antelao, visionario esperimento di utopia sociale realizzato tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta grazie all’ambizione di Enrico Mattei su progetto di Edoardo Gellner in collaborazione con Carlo Scarpa. Nelle precedenti tre edizioni – a Roma nel 2018, a Borca di Cadore nel 2019 e a Base Milano nel 2021 – hanno partecipato circa 900 “simposiani” attivi e più di 60 ospiti – tra cui artisti, ricercatori, comunicatori e hacker.

Simposio 2022
Simposio 2022

COS’È IL PROGETTO SIMPOSIO A BORCA DI CADORE

Difficile spiegare in poche parole il progetto Simposio. L’idea, semplice e ambiziosa allo stesso tempo, consiste nel creare uno spazio di riflessione sulla complessità del presente, riconnettendo menti e cuori in uno sforzo di immaginazione collettiva. Interamente auto-finanziato e organizzato nello spirito della condivisione – delle idee e delle risorse – rappresenta, nelle stesse parole dei promotori, un “esercizio collettivo di immaginazione e dialogo, un rituale di riconnessione e attivismo culturale, un progetto senza scopo di lucro che intende attivare un confronto pubblico sulla contemporaneità e le sue implicazioni di carattere percettivo, cognitivo, sociale ed economico”. Il meeting, che quest’anno si avvale anche della collaborazione organizzativa de La Scuola Open Source, attivissimo centro didattico e di ricerca di base a Bari, ospiterà performance, live musicali e installazioni fatte di luci e suoni che si integreranno nell’ambiente montano. Ma il fulcro del progetto sono gli spazi di dibattito e co-progettazione, che saranno incentrati su 4 tematiche: Rappresentazione e potere, Arte e tecnologia, Organizzazione e politica, Cura ed Ecosistemi.

COME PARTECIPARE A SIMPOSIO

Le iscrizioni per partecipare all’evento saranno aperte per tutti il prossimo 28 marzo, ma è già in corso una call per chi voglia condividere la propria storia, che chiuderà il 21 marzo. Con lo slogan All’arme!, Simposio 2022 cerca “storie dalla fine del mondo per come l’abbiamo conosciuto: processi di trasformazione, frammenti di esperimenti in atto, pratiche che si sforzano di andare oltre la fine del realismo capitalista”. Le storie selezionate saranno raccontate alla comunità simposiana nelle presentazioni giornaliere in cambio di vitto e alloggio.

Simposio – Non è la fine del mondo
Ex villaggio Eni, Borca di Cadore (BL)
7-8-9-10 luglio 2022
[email protected]
https://simpos.io
whatsapp – 3476083446

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.