Cesare Tacchi reloaded. La mostra a Roma

Una piccola preziosa mostra di Cesare Tacchi va in scena negli spazi di Z2O Project, con opere per lo più degli Anni Novanta. Un’occasione per provare a rileggere la parabola del grande artista

Cesare Tacchi (Roma, 1940-2014) artista pop è un’etichetta di comodo. Un giudizio fuorviante, che non tiene conto della seconda parte della produzione dell’artista romano. Tutta colpa del preconcetto in base al quale chi è stato attivo negli Anni Sessanta e Settanta deve necessariamente aver prodotto le cose migliori in quel periodo. Non è sempre così.
Il secondo Tacchi è – infatti – straordinario, oltre che sorprendente. Meriterebbe focus separati, specifici. Come questa piccola imperdibile mostra, composta per lo più da opere degli Anni Novanta.

Cesare Tacchi, Ha nelle mani nulla, 1992, olio su tela, cm 200x80
Cesare Tacchi, Ha nelle mani nulla, 1992, olio su tela, cm 200×80

LA MOSTRA A ROMA

In realtà la svolta arriva già nel ’74, con il dipinto Sentire. Da allora il lavoro di Tacchi si fa via via più duchampiano e conturbante, mistico e metalinguistico, raggiungendo spesso esiti felicemente numinosi. Estremizzando, si potrebbe dire che Tacchi diventa surrealista e conceptual da maturo. Il che rende atipica e interessantissima la sua parabola. Ben vengano quindi mostre come questa, utili per riletture critiche.

Pericle Guaglianone

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoCesare Tacchi - Una casa di foglie e fogli
Vernissage19/02/2022 ore 11
Duratadal 19/02/2022 al 09/04/2022
AutoreCesare Tacchi
CuratoreDaniela Bigi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoZ20 PROJECT
IndirizzoVia Baccio Pontelli 16 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.