Le ibridazioni di Koen Vanmechelen in mostra a Firenze agli Uffizi

Arriva a Firenze dalle Fiandre, terra in cui i Medici aprirono il loro primo banco, l’artista Koen Vanmechelen. Agli Uffizi le sue contaminazioni formali, biologiche e materiche seducono lo sguardo, senza sottrarsi allo scambio con i capolavori della collezione museale. Caravaggio incluso

Affronta con audacia i maestri dell’arte italiana e fiamminga esposti alla Galleria degli Uffizi Koen Vanmechelen, l’artista belga scelto dall’istituzione diretta da Eike Schmidt per aprire la stagione espositiva 2022. Per la personale Seduzione l’eclettico autore, classe 1965, ha concepito trenta opere collocate lungo l’intero percorso museale, anche a fianco dei capolavori. Non un azzardo o una provocazione, come una lettura affrettata potrebbe forse suggerire. La prospettiva concettuale delineata in mostra dal pittore, scultore e performer ricalca infatti i medesimi archetipi dell’antichità greco-romana, mutuati in seconda battuta dal Rinascimento, e riconosce come proprie radici teoriche le consolidate polarità “vita-morte”, “umano-divino”, “terreno-spirituale”, “naturale-artificiale” da sempre presenti nell’arte globale. Il risultato sono opere figurative dall’esecuzione impeccabile, in cui marmo, acciaio e bronzo si combinano ripetutamente con la trasparenza e la vulnerabilità del vetro, materiale per eccellenza “duplice”. Accoglie sì il passaggio della luce e si lascia attraversare dallo sguardo, ma è anche capace di ferire, perdendo a sua volta forma e funzioni assegnate.

Cosmopolitan Fossil I, II. Seduzione. Koen Vanmechelen. Galleria degli Uffizi, Firenze 2022
Cosmopolitan Fossil I, II. Seduzione. Koen Vanmechelen. Galleria degli Uffizi, Firenze 2022

KOEN VANMECHELEN IN MOSTRA AGLI UFFIZI

Ideatore del programma di ricerca Cosmopolitan Chicken Project, finalizzato alla generazione di nuove razze di pollame, e artefice, con l’architetto svizzero Mario Botta, della riserva artistica e naturale Labiomista a Genk, Vanmechelen “attinge” a più riprese dalla collezione degli Uffizi. Lo dimostra la serie scultorea Temptation, scandita da quindici busti di eroi, divinità e condottieri che, a differenze degli “omologhi storici” della collezione museale, sono riusciti a svincolarsi dal peso di convenzioni, norme e pregiudizi. I frammenti di uova sulle loro nuche attestano, senza ombra di fraintendimenti, un’avvenuta gestazione. Sospese fra ricerca genetica, mito e simbolismo, dalle loro teste sono nate creature ibride e indecifrabili: fin qui assenti dalle tavole naturalistiche, si rivelano ora agli occhi dell’osservatore. La mente è in grado di generare, ci ricorda il fiammingo. Dal gesso dell’artista fiorentino ottocentesco Adriano Cecioni Bambino con Gallo, Vanmechelen immagina poi una doppia metamorfosi. La traduce in un bis di opere, in cui il volatile abbandona piume e cresta per diventare l’esotica (e ingestibile) iguana, una volta bianca e l’altra nera, di Cosmopolitan Fossil.

Vesta - Mechelse - Cubalaya - CCP11. Seduzione. Koen Vanmechelen. Galleria degli Uffizi, Firenze 2022
Vesta – Mechelse – Cubalaya – CCP11. Seduzione. Koen Vanmechelen. Galleria degli Uffizi, Firenze 2022

IL POLLO COME AVATAR E SPECCHIO DELL’UOMO

I due opposti colori della tavolozza si fronteggiano anche nella coppia di Meduse con cui si chiude il percorso di visita. Realizzati uno in marmo nero Marquina, l’altro in marmo Statuario, entrambi gli esemplari di Vanmechelen donano uno slancio tridimensionale al celeberrimo olio su tela Scudo con testa di Medusa di Caravaggio, puntando sull’animale-simbolo della ricerca dell’artista. Dalle teste delle due figure si propagano in tutte le direzioni polli mutageni, definitivamente privi di quell’innocenza associata a questo animale, presente anche nell’autoritratto che il belga donerà agli Uffizi. Rendendo distorto il proprio volto, con una maschera in vetro di Murano che fuoriesce dalla superficie bidimensionale di Ubuntu, l’artista si mostra in qualità di sciamano. La mano è l’unica parte pienamente riconoscibile del suo corpo, altrimenti celato fra piume, penne e creste di polli e galli cinti in un abbraccio. Richiamando nel titolo dell’opera, in lingua bantu, il principio “io sono perché noi siamo”, Vanmechelen vuole fare proprio (e ribadire) quel “legame universale di condivisione che collega tutta l’umanità”. Uomini, animali e inaspettate creature ibride.

Valentina Silvestrini

Eventi d'arte in corso a Firenze

Evento correlato
Nome eventoKoen Vanmechelen - Seduzione
Vernissage17/01/2022 su invito
Duratadal 17/01/2022 al 20/03/2022
AutoreKoen Vanmechelen
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA DEGLI UFFIZI
IndirizzoPiazzale Degli Uffizi 1 - Firenze - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Dal 2016 coordina la sezione architettura di Artribune, piattaforma per la quale scrive da giugno 2012, occupandosi anche della scena culturale fiorentina. Ha studiato architettura all’Università La Sapienza di Roma, città in cui ha conseguito l'abilitazione professionale. Ha intrapreso il percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi presso studi di architettura e all’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero fino al 2011. Successivamente ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia" della Scuola Normale Superiore di Pisa e ha curato gli eventi e la comunicazione della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura, a Perugia. I suoi articoli sono stati pubblicati anche su Abitare, abitare.it, domusweb.it, Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa, Cosebelle Magazine e Sky Arte. Oltre all'architettura, ama i viaggi e ha una predilezione per l'Asia e il Medio Oriente.