I disegni della resistenza dell’artista ucraina Alevtina Kakhidze

Le immagini delle opere dell’artista ucraina che non vuole lasciare il suo paese nonostante la guerra

Alevtina Kakhidze è una delle migliori artiste concettuali ucraine. Realizza disegni, lecture performance, installazioni. Ha esposto in numerose istituzioni e biennali internazionali come quella di Mosca o Manifesta. Attivista, aveva preso parte alle proteste di piazza Maidan nel 2014, che diedero inizio alla prima parte dello scontro tra Russia e Ucraina. Nata presso Donetsk nel 1973, da cui sua madre si era già dovuta allontanare con l’occupazione dell’esercito filorusso, vive in una casa di campagna a una trentina di chilometri da Kiev. Da qui passano le manovre di accerchiamento della capitale da parte dell’esercito russo. Si sentono in continuazione gli spari e i bombardamenti. Ma lei non se ne vuole andare, anche se ha tante offerte da Accademie e Fondazioni estere. “Se me ne vado, chi resta?”, dice. Così Alevtina dà un suo contributo quotidiano alla resistenza ucraina. A modo suo. Ogni giorno realizza disegni sulla situazione che la circonda. Sono disegni ingegnosi, pervasi da una sottile, malinconica ironia. Le immagini che ci ha mandato.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.