Arte e vita nella mostra di Federica Luzzi a Roma

La galleria La Nuova Pesa di Roma ospita la mostra di Federica Luzzi, artista impegnata in una ricerca plastica che guarda alla materia e alle sue trasformazioni

Shell, del crepuscolo o dell’alba è il titolo della nuova mostra di Federica Luzzi (Roma, 1970) alla galleria La Nuova Pesa di Roma, visitabile fino al 4 marzo 2022. “Shell” vuol dire tante cose: conchiglia, guscio, involucro, baccello, corazza, battello, schema, scorza, apparenza…
Le “sculture” di Federica Luzzi si chiamano così perché sono un po’ tutto questo, evocano esseri vivi ma in stato di quiescenza, come quei microrganismi che si auto addormentano ma possono risvegliarsi qualora si ricreino le condizioni ambientali a loro favorevoli. Sono ferme ma al tempo stesso mosse da un’energia invisibile come moto browniano nell’acqua, un’energia mentale che le modella, di cui loro sono la traccia, l’invisibile disegno.
Stupisce come il tessuto cresca su se stesso e pieghi con quella grazia e misteriosa precisione tendente all’anello, che segna, secondo Teilhard de Chardin, il passaggio dalla materia alla vita.

Federica Luzzi. Shell, del crepuscolo o dell’alba. Exhibition view at La Nuova Pesa, Roma 2022. Photo Giorgio Benni
Federica Luzzi. Shell, del crepuscolo o dell’alba. Exhibition view at La Nuova Pesa, Roma 2022. Photo Giorgio Benni

LE OPERE DI FEDERICA LUZZI IN MOSTRA A ROMA

L’arte, ci dice Federica, è una bellezza dormiente, qualcosa che fu vivo e può tornare a esserlo, della vita ha la tessitura segreta, e la conserva al di là dello spazio e del tempo. L’arte è vita in potenza al di là della vita, seme.
Le Red Shell, tinte con polvere di ematite, evocano il sangue della vita, le Black Shell, con polvere di grafite, sono come semi combusti dal tempo, o conservati nella cenere a seguito di un’eruzione vulcanica. Galleggiano in una luce radente, nostalgica, di alba o tramonto.
C’è poi, nella terza sala, una scultura grande, aerea, fatta di due lembi leggeri cuciti in uno, come quelli realizzati da Santa Chiara per la veste chiamata Alba.

Claudio Damiani

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoFederica Luzzi - Shell del crepuscolo o dell’alba
Vernissage10/01/2022
Duratadal 10/01/2022 al 25/02/2022
AutoreFederica Luzzi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoLA NUOVA PESA - CENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoVia Del Corso 530 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudio Damiani
Claudio Damiani è nato nel 1957 a San Giovanni Rotondo. Vive a Roma dall'infanzia. Ha pubblicato le raccolte poetiche Fraturno (Abete,1987), La mia casa (Pegaso, 1994, Premio Dario Bellezza), La miniera (Fazi, 1997, Premio Metauro), Eroi (Fazi, 2000, Premio Aleramo, Premio Montale, Premio Frascati), Attorno al fuoco (Avagliano, 2006, finalista Premio Viareggio, Premio Mario Luzi, Premio Violani Landi, Premio Unione Lettori), Sognando Li Po (Marietti, 2008, Premio Lerici Pea, Premio Volterra Ultima Frontiera, Premio Borgo di Alberona, Premio Alpi Apuane), Il fico sulla fortezza (Fazi, 2012, Premio Arenzano, Premio Camaiore, Premio Brancati, finalista vincitore Premio Dessì, Premio Elena Violani Landi), Ode al monte Soratte, con nove disegni di Giuseppe Salvatori (Fuorilinea 2015), Cieli celesti (Fazi, 2016, Premio Tirinnanzi), Endimione (Interno Poesia, 2019, Premio Carducci). Nel 2010 è uscita un'antologia di poesie curata da Marco Lodoli e comprendente testi scritti dal 1984 al 2010 (Poesie, Fazi, Premio Prata La Poesia in Italia, Premio Laurentum). Ha pubblicato di teatro: Il Rapimento di Proserpina (Prato Pagano, nn. 4-5, Il Melograno, 1987) e Ninfale (Lepisma, 2013). Ha curato i volumi: Almanacco di Primavera. Arte e poesia (L'Attico Editore, 1992); Orazio, Arte poetica, con interventi di autori contemporanei (Fazi, 1995); Le più belle poesie di Trilussa (Mondadori, 2000). E' stato tra i fondatori della rivista letteraria Braci (1980-84) e, nel 2013, di Viva, una rivista in carne e ossa. Suoi testi sono stati tradotti in diverse lingue (tra cui principalmente spagnolo, inglese, serbo, sloveno, rumeno) e compaiono in molte antologie italiane (anche scolastiche) e straniere. Ha pubblicato i saggi La difficile facilità. Appunti per un laboratorio di poesia, Lantana Editore, 2016, L'era nuova. Pascoli e i poeti di oggi, a cura di Andrea Gareffi e Claudio Damiani, Liber Aria Edizioni, 2017 e recentemente, con Arnaldo Colasanti, La vita comune. Poesie e commenti, Melville Edizioni, 2018.