Le sculture di Mauro Staccioli al Castello Campori di Soliera

Le sculture-intervento di Mauro Staccioli arrivano nel Castello Campori di Soliera mettendo in atto la dialettica artista/pubblico. All’insegna di una partecipazione collettiva

Mauro Staccioli. [re]action, installation view, Sala 5. Ph. © Rolando Paolo Guerzoni
Mauro Staccioli. [re]action, installation view, Sala 5. Ph. © Rolando Paolo Guerzoni

Con una serie di mostre di interesse nazionale, Soliera sta cercando di costruire un’identità culturale propria basandosi sulla scultura contemporanea, creando una fisionomia culturale caratterizzata da un preciso percorso espositivo con l’intento di educare il pubblico anche dei non addetti ai lavori e rivitalizzando al contempo il centro storico. Ora tocca a Mauro Staccioli (Volterra, 1937 – Milano, 2018), volterrano di nascita ma milanese d’adozione, con un monumentale Portale installato nel centro della cittadina in comodato gratuito per tre anni e un’esposizione all’interno del Castello Campori, che racconta l’artista e la sua vita attraverso le opere, grazie alla collaborazione con il suo archivio.

L'opera Portale di Mauro Staccioli installata a Soliera. Photo Rolando Paolo Guerzoni
L’opera Portale di Mauro Staccioli installata a Soliera. Photo Rolando Paolo Guerzoni

LA MOSTRA DI STACCIOLI A SOLIERA

Lo spazio espositivo del Castello viene allestito come fosse il suo luogo di lavoro, con installazioni scultoree senza basi che poggiano direttamente sul pavimento, cemento e ferro che dialogano con l’ambiente circostante. L’idea degli organizzatori è proprio quella di portare avanti il suo pensiero e metodo, e di mostrare come negli anni sia cambiata la sua modalità del fare scultura. Con il tempo difatti Staccioli ha modificato necessariamente il suo modo di lavorare. Negli Anni Settanta/Ottanta ragionò sulle forme essenziali complesse come tubi o pezzi di muro di vecchie carceri, mentre negli Anni Duemila passò a una forma scultorea transitabile, con cerchi e triangoli, e alle grandi installazioni ambientali. “La scultura non ammicca, non allude, non sta ferma in se stessa“, si legge in una delle frasi disseminate tra le sale, che aiutano a comprendere il rapporto diretto tra artista e spettatore, tra l’azione e la conseguente reazione, osservando lavori che sono strumenti di provocazione e stimolo.

Enrico Cattaneo, Senza titolo. Mercato del Sale (ritratto di Mauro Staccioli), 1981, stampa bianco e nero, 25x36 cm
Enrico Cattaneo, Senza titolo. Mercato del Sale (ritratto di Mauro Staccioli), 1981, stampa bianco e nero, 25×36 cm

L’ARTE DI MAURO STACCIOLI

Staccioli fu anche promotore di un attivismo politico molto critico contro la città di Milano e la cementificazione. Partecipò a due Biennali a Venezia, nel ‘76 e nel ‘78, anno in cui realizzò un grande muro che ostacolava la vista del Padiglione italiano, stimolando le persone a interagire, fermate dallo scatto del fotografo e amico Enrico Cattaneo. Studiando la misurazione spaziale, legò i suoi lavori a una dimensione sociale e collettiva. Con uno staff che l’ha accompagnato tutta la vita e un amico ingegnere di cui si fidava ciecamente, divenne ben presto uno dei maestri della scultura ambientale internazionale e le sue opere sono ancora oggi segnali visibili che mappano un territorio.

Francesca Baboni

Evento correlato
Nome eventoMauro Staccioli - [re]action
Vernissage30/10/2021 ore 11
Duratadal 30/10/2021 al 30/01/2022
AutoreMauro Staccioli
CuratoreLorenzo Respi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCASTELLO CAMPORI
IndirizzoP.zza F.lli Sassi - Soliera - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesca Baboni
Francesca Baboni vive a Correggio (Re). Laureata in Lettere Classiche con indirizzo storico-artistico all'Università di Bologna, è critico d'arte, storico dell'arte e curatrice indipendente. Da diversi anni cura per spazi privati ed istituzionali mostre personali e collettive di artisti contemporanei, con un'attenzione particolare alla pittura e alla fotografia. Collabora con il Centro Studi Correggio Art Home dedicato al pittore Antonio Allegri detto Il Correggio per conferenze, ricerche e visite guidate, ed è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Il Correggio, che ne gestisce l'attività.