Disegni e metamorfosi nella mostra di Marta Roberti a Roma

La mostra allestita negli spazi di Sara Zanin a Roma traccia un filo sottile, congiungendo Oriente e Occidente, dalla mitologia alla mistica, grazie all’immaginario di Marta Roberti

Marta Roberti (Brescia, 1977) ha scelto di utilizzare delle carte provenienti dallo Yunnan per la sua mostra da Sara Zanin a Roma. I disegni sono ricamati in India su stoffa, utilizzando il metodo del punto a catenella, tipico del Kashmir. La serie S’io mi intuassi come tu t’inmii fa accadere sulla superficie una metamorfosi dai fertili risvolti: si parte dalla Divina Commedia di Dante e dalle fiere che costellano la catabasi del poeta, per fondere la natura animale con l’universo femminile. A scaturire da quest’insolita sovrapposizione sono degli esseri “mostruosi” ma affascinanti, delle figure femminili zoomorfe. Incontriamo così le Arpie, uccelli dal piumaggio violaceo e la testa di donna, una versione “spuria” sulla traccia di Eva e del Peccato originale ne La ladra e il serpente, la Centaura con la freccia incoccata nell’arco, La Minotaura in una posa dinamica che, leggermente profilata, sembra richiamare le pitture nei palazzi cretesi, Lucifera dalla cui bocca si divincolano gambe vive.

Marta Roberti. In metamorfosi. Exhibition view at Z2O Sara Zanin Gallery, Roma 2022. Photo Giorgio Benni
Marta Roberti. In metamorfosi. Exhibition view at Z2O Sara Zanin Gallery, Roma 2022. Photo Giorgio Benni

LA MOSTRA DI MARTA ROBERTI A ROMA

Insieme alla mitologia e all’iconografia occidentale, l’artista si ispira alle divinità indiane Durga e Sheetala, capaci sia di sconvolgere e distruggere sia di assicurare la cura, in grado di manipolare il caos a proprio piacimento fino a scioglierne i nodi e ricomporre l’equilibrio.
In Lotus goddesses, queste potenti fonti di armonia e cacofonia sono associate ad animali, mansueti e ubbidienti, soggiogati come in un incantesimo: ecco che un’agile figura femminile, dalle molteplici braccia, si trova in equilibrio sul dorso di un leone, con in mano lo stelo di un fiore e le gambe nella posizione yoga dell’albero. Un’altra figura è in sella a un toro, mentre altre due esili divinità cavalcano, rispettivamente, un corvo e un asino.
Il repertorio fantastico occidentale e l’immaginario mistico orientale si trovano così accostati sullo stesso piano. Impollinandosi vicendevolmente, generano un connubio magnetico che sembra strizzare l’occhio ai bestiari medievali.

Marta Roberti, Se io mi Intuassi, Lupa, 2021, pastello a olio su carta dello Yunnan, cm 95x130. Photo Giorgio Benni
Marta Roberti, Se io mi Intuassi, Lupa, 2021, pastello a olio su carta dello Yunnan, cm 95×130. Photo Giorgio Benni

LO STILE E I SOGGETTI DI MARTA ROBERTI

L’opera di Roberti vanta una sua peculiarità: l’approccio di una tecnica che, raffinata e personalizzata, rende il suo disegno immediatamente riconoscibile. L’artista usa infatti la carta copiativa, la vera matrice delle opere esposte che trattengono l’anima preziosa del pastello a olio. I suoi soggetti non trasudano un colore uniforme ma una stesura a tratti sfaldati. Se la pelle è sottile e trasparente, la carne si mescola con la materia fibrosa della carta. I suoi esseri ibridi, infatti, nonostante non sia presente un vero e proprio sfondo, non si stagliano sul bianco della superficie, vi affiorano invece come miraggi luminosi nel deserto della mente.

Giorgia Basili

Eventi d'arte in corso a Roma

Evento correlato
Nome eventoMarta Roberti - In metamorfosi
Vernissage11/12/2021 ore 13
Duratadal 11/12/2021 al 05/02/2022
AutoreMarta Roberti
CuratoreCecilia Canziani
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoZ2O GALLERIA - SARA ZANIN
IndirizzoVia della Vetrina 21 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giorgia Basili
Giorgia Basili (Roma, 1992) è laureata in Scienze dei Beni Culturali con una tesi sulla Satira della Pittura di Salvator Rosa, che si snoda su un triplice interesse: letterario, artistico e iconologico. Si è spe-cializzata in Storia dell'Arte alla Sapienza con una tesi di Critica d'arte sul cinema di Pier Paolo Pasolini, letto attraverso la lente warburghiana della Pathosformel. Collabora con diverse riviste di settore prediligendo tematiche quali l’arte urbana e il teatro, la cultu-ra e l’arte contemporanea nelle sue molteplici sfaccettature e derive mediali. Affascinata dall’innesto del visivo con la letteratura, di tea-tro e mitologia, si dedica alla scrittura di poesie per esprimere la propria sensibilità e il proprio pensiero estetico-critico su ciò che la circonda.